Ad Albano la 31esima edizione del Festival Liszt, per rivivere il grande Romanticismo Europeo.

Ad Albano la 31esima edizione del Festival Liszt, per rivivere il grande Romanticismo Europeo.

Con alle spalle 30 anni di storia e riconoscimenti in tutta Europa, dal 10 dicembre 2017 al 14 gennaio 2018 torna il Festival Liszt: una 31esima edizione nella cornice storica del Palazzo Savelli di Albano (RM) ricca di ospiti da Italia, Ucraina e Ungheria per 5 appuntamenti che uniscono la musica del romanticismo europeo – con focus su Liszt, Mozart, Beethoven e Brahms – a quella popolare, le rivisitazioni storiche ottocentesche ai gran balli in stile, con la Compagnia Nazionale di Danza Storica con Nino Graziano Luca, l’Orchestra da Camera di Stato dell’Ucraina Khmelnytsky Chamber Orchestra, Gabrielle Mouhlen, Quartetto TAAG e Vincenzo Maltempo.

Vivere la magia e l’atmosfera romantica che permeò la vita di Franz Liszt e delle donne da lui amate, la sua musica ed i suoi scritti. Percepire le forti emozioni da lui vissute a Vienna, Parigi, Londra, Kiev, Weimar, Lipsia ma anche e soprattutto in Italia, sul Lago di Como, a Venezia, Milano, Firenze, Roma, San Rossore o Albano Laziale: il Festival Liszt 2017 si apre il 10 dicembre con la Compagnia Nazionale di Danza Storica con Nino Graziano Luca, in un affascinante percorso coreografico legato al gran ballo dell’ottocento sulle orme di Liszt ovvero di quella società e quei luoghi che hanno visto il musicista partecipe di un afflato culturale proprio della sua epoca. Un autentico “grande evento” che proporrà il meglio delle coreografie e delle composizioni musicali dei Gran Balli che si svolgevano nelle terre in cui visse Franz Liszt nel corso del XIX Secolo: l’Austria, la Francia, l’Inghilterra, la Russia, la Germania, la Svizzera e, ovviamente, l’Italia. SOGNO D’AMORE. Un romantico Gran Ballo sulle orme di Franz Liszt è allestito con straordinari ballerini professionisti in eleganti frac e preziosi abiti crinolina che eseguono meravigliosi Valzer, Quadriglie, Contraddanze, Mazurche tratte dai manuali dei più celebri maestri del XIX secolo e dai più incantevoli film in costume. Uno spettacolo elegante, divertente ed emozionante anche per il repertorio musicale che oltre a Liszt prevederà Strauss, Verdi, Ziehrer, Bellini, Ciajkovsky, Puccini.

Il 22 dicembre sarà poi la volta dell’Orchestra da Camera di Stato dell’Ucraina Khmelnytsky Chamber Orchestra con la partecipazione del soprano Gabrielle Mouhlen: danze popolari e vocalità nelle sue declinazioni liederistiche e liriche con musiche di Liszt, Grieg, Rossini, Strauss.
Programmi della tradizione cameristica andranno in scena il 7 gennaio 2018 (Beethoven e Brahms con il celebre Quintetto op. 115) con un giovane quartetto italiano, il Quartetto TAAG con Maurizio D’Alessandro al Clarinetto e giovedì 11 gennaio 2018 con i capolavori cameristici di Liszt, Mozart, Beethoven, affidati al trio Carannante-De Vero-Orban.
Il Festival Liszt di Albano si concluderà il 14 gennaio 2018 con un giovane talento quale quello del pianista Vincenzo Maltempo particolarmente dedito al repertorio lisztiano di cui eseguirà Rapsodie ungheresi 2,13,14 – Valle d’Oberman, Totentanz.

Tutti i concerti si svolgeranno ad Albano, presso la Sala Nobile Palazzo Savelli (Piazza Costituente, 1), alle 18.00, con eccezione del 10 dicembre che inizierà alle 18.30. Biglietto unico d’ingresso 10 euro. Info e prevendita 069364605.
Dal 10 dicembre 2017 al 14 gennaio 2018 con la Direzione artistica Maurizio D’Alessandro
A cura dell’Ass.ne Amici della Musica Cesare De Sanctis
In collaborazione con Comune di Albano, con il patrocinio di Regione Lazio, Accademia d’Ungheria in Roma, Museo e Centro ricerche Liszt Budapest, Accademia Università Liszt Budapest
Per info: www.amicidellamusicaalbano.it

Inserito da: Barbara Andreoli

Potrebbe interessarti anche...

  • La porta e i suoi mille significati
  • Primo sguardo a War for Delthia, gioco da tavola fantasy della Ego Games Studios
  • Il gatto: alla scoperta del misterioso e affascinante felino
  • I mille volti dei vampiri, creature non-morte che... non passano mai di moda!
  • Storie della Generazione Z: le Jordan 1
  • Il mito della Fenice attraverso i secoli
  • Alla scoperta della chiave: potente oggetto magico dai molteplici simboli
  • "Abracadabra": la bacchetta magica tra storia e magia
  • Scavi e ricerche a SHAHR-I SOKHTA, la "Pompei d'Oriente": presentati a Unisalento i risultati degli scavi archeologici nel sito iraniano
  • Gli Angeli, tra sacro e profano, fiabe e religione, terra e cielo
  • Visita a Tuscania: campi di lavanda, necropoli e avventure alla Indiana Jones
  • Torre Alfina e bosco del Sasseto: una gita nella Tuscia incantata e gotica
  • Gli gnomi: alla scoperta della creatura più "sfigata" del "piccolo popolo"
  • L’Abbazia di Fossanova: dove San Tommaso d’Aquino ci rimise le penne
  • "Il gatto con gli stivali": decima uscita della collana NPE dedicata al maestro Dino Battaglia
  • Vivere da Alligatore: blues e calvados nella serie noir dai racconti di Massimo Carlotto
  • Debutta la web series animata "Puffins" con Johnny Depp

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION