Rassegna cinematografica “Avanguardie Migranti” alla Biblioteca Vaccheria Nardi di Roma

La rassegna cinematograficaAvanguardie Migranti” prende il via venerdì 22 novembre, alle ore 18, presso la Biblioteca Vaccheria Nardi, a Roma.

Fino al 12 dicembre sarà un viaggio nella cinematografia africana e afro-discendente in Italia, tra le due sponde del Mediterraneo. Cinque appuntamenti con registi, cortometraggi, film e documentari per guardare al fenomeno migratorio dall’interno, con punti di vista complementari e a volte contrapposti. Da una parte il desiderio di rimanere nella propria terra riformandone le istituzioni in senso democratico, dall’altra la necessità di emigrare per poter sopravvivere, con tutti i rischi e le difficoltà del caso.

Una rassegna nata dall’urgenza di andare oltre la narrazione mainstream, spesso stereotipata, sul tema delle migrazioni, per raccontare i cambiamenti sociali già in atto in un’Italia sempre più multiculturale, arricchita umanamente ed economicamente, ma non solo, da cittadini giunti dai quattro angoli del mondo.

Un Paese che, però, fatica ad aprirsi alle diversità, a riconoscere l’identità dei ‘nuovi italiani’ con una necessaria riforma della cittadinanza (Ius Soli). Corti e film selezionati sono un invito a guardare a queste tematiche da un’altra prospettiva, ad integrare nelle proprie riflessioni gli spunti offerti dalla cinematografia, per costruire insieme una convivenza sempre più umana ed interculturale.

La rassegna cinematografica “Avanguardie Migranti” si inserisce nella manifestazione “Obiettivo Periferie. Futuro innovazione Partecipazione”, in corso a Roma fino al 21 dicembre 2019 presso le Biblioteche Vaccheria Nardi ed Aldo Fabrizi (via Treia 14, zona San Basilio -Tiburtina – Palmiro Togliatti) ed è a ingresso gratuito per tutti gli appuntamenti in programma.

In programma presso la Biblioteca Vaccheria Nardi Roma, in Via Grotta di Gregna, 37 (quartiere Tiburtino), dalle 18 alle 20:

– giovedì 22 novembre: “Hell Inside” di Gaston Biwolé e “La Bella e le bestie” di Khaled Walid Barsaoui, Kaouther Ben Hania
– mercoledì 4 dicembre: “La festa più bellissima” di Hedy Krissane, “Indovina chi ti porto per cena” di Amin Nour e il docufilm “Redemption Song” di Cristina Mantis
– giovedì 5 dicembre: “Yousef” di Mohamed Hossameldin, “Le ali velate” di Nadia Kibout, il film “Sofia” di Meryem Benm’Barek
– mercoledì 11 dicembre: “Idris” di Kassim Yassin Saleh (foto di copertina dell’articolo) e il docufilm “Burkinabè Rising” di Lara Lee
– giovedì 12 dicembre: “La Gita” di Salvatore Allocca e “Wallay” di Bernie Goldblat.

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Trousse con la Direzione Artistica di Giorgio Granito, in collaborazione con il Magazine culturale online Avanguardie Migranti, rappresentato dalla giornalista Véronique Viriglio. L’iniziativa è parte del programma di “Contemporaneamente Roma 2019”, promosso da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE, con il Sistema Biblioteche Centri Culturali di Roma e con le Biblioteche Vaccheria Nardi ed Aldo Fabrizi. Il Festival si avvale della collaborazione dell’Università di Roma La Sapienza, del Forum Nazionale Giovani, del magazine online Avanguardie Migranti, delle Associazioni e Comitati di quartiere del territorio.

About the author

Segnala, commenta, fotografa, videodenuncia, videosegnala, polemizza, inviaci complimenti e/o insulti alla mail info@sitopreferito.it

Related

JOIN THE DISCUSSION