Tentano estorsione: tre arresti

carabinieri_logoAttimi di panico per un imprenditore edile romano, l’altra sera, in via Ardeatina, dove tre individui lo hanno minacciato, strattonato, nel tentativo di farlo salire a bordo della loro auto con la forza, vantando un credito di 200.000 Euro, quale corrispettivo di asseriti debiti contratti dall’azienda del malcapitato, recentemente dichiarata fallita.

Grazie all’intervento dei Carabinieri del Nucleo Operativo Roma Eur si è evitato un altro probabile sequestro lampo.

Dopo essere riuscito a sottrarsi dalle mani dei tre malintenzionati, l’uomo ha chiamato i militari che sono riusciti a rintracciare ed arrestarli per tentata estorsione.

Si tratta di tre uomini italiani di 36, 55 e 59 anni che hanno tentato di farsi giustizia da soli per recuperare un credito che la vittima non aveva contratto direttamente con loro ma che un terzo gli aveva ceduto.

Inutile il tentativo da parte dell’imprenditore di farli ragionare. Invece di rivolgersi al curatore fallimentare dell’azienda fallita, come prescrive la legge, con intimidazioni, si sono fatti dire da un suo dipendente dove potevano trovare l’imprenditore provando a farsi dare i soldi con la forza. I tre arrestati sono stati condotti a Regina Coeli.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION