Litiga con la madre e minaccia di far esplodere una bombola del gas, arrestato

carabinieri_logoLa scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un romano di 49 anni, nullafacente e con precedenti che, al culmine di una lite con la madre, aveva minacciato di far esplodere una bombola di gas all’interno di uno stabile occupato in via Erminio Spalla.

All’ interno dell’appartamento dove viveva con la mamma, l’uomo ha aperto la valvola di sicurezza di una bombola del gas, prelevata dalla cucina, e brandendo un coltello di grosse dimensioni, ha minacciato di farla esplodere.

Le urla della donna hanno attirato l’attenzione delle altre persone che vivono nello stabile che hanno contattato immediatamente i Carabinieri al pronto intervento 112, riferendo della lite animata in atto.

Giunti in breve tempo in via Erminio Spalla, i militari hanno raggiunto l’abitazione e sono riusciti, dopo una breve colluttazione, a disarmare e ad ammanettare il 49enne che ha opposto anche resistenza.

L’uomo è stato poi trasportato all’Ospedale S. Eugenio e ricoverato presso il reparto di psichiatria, dove è piantonato dai militari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mentre, il coltello e la bombola del gas sono stati sequestrati.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION