“Rock In Roma” e Roma Capitale, insieme per dire no alla violenza sulle donne

Pannello_Romadiceno_Diavu“Arriva anche sul palco di Capannelle la campagna di Roma Capitale contro la violenza sulle donne, che potrà così coinvolgere una vastissima platea di ragazze e ragazzi appassionati di musica”, ha annunciato Alessandra Cattoi, assessora al Patrimonio, Politiche UE, Comunicazione e Pari Opportunità di Roma Capitale.

Grazie alla collaborazione degli organizzatori di “Rock in Roma” sono stati infatti posizionati all’ingresso dell’area concerti i pannelli che riproducono le opere, ispirate al tema del contrasto alla violenza, di David “Diavù” Vecchiato, Camilla Falsini, Mister Thoms e Rita Petruccioli, tutti street artist di MURo (Museo di Urban Art di Roma).

Nei prossimi mesi gli stessi pannelli della campagna “Roma dice no” saranno posizionati presso alcune stazioni della metropolitana per coinvolgere e sensibilizzare un pubblico ancora più numeroso e diversificato. “Vogliamo che il contrasto della violenza, così come la solidarietà e l’assistenza alle vittime, sia sempre in primo piano e non limitato solo a singole occasioni e ricorrenze particolari», ha concluso Cattoi.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION