MONTEROTONDO: Buttafuori si vendicano delle offese ricevute durante la serata e massacrano di botte due romeni: arrestati

Avevano ricevuto alcune offese da parte di due cittadini romeni di 24 e 29 anni e la cosa non gli è andata giù. Così due addetti alla sicurezza di un locale notturno, a fine serata, hanno atteso che la folla si diradasse per individuare i ragazzi “molesti” e dargli una bella lezione.
I buttafuori, un 33enne di Terni e un 31enne di Genzano di Roma, entrambi con precedenti, hanno aggredito i due romeni fuori dal locale con calci, pugni e bastonate, scagliate con tale violenza da lasciarli a terra in pochi istanti gravemente feriti.
Una ragazza che faceva parte della stessa comitiva delle vittime ha immediatamente avvisato i Carabinieri che, giunti sul posto, hanno soccorso i feriti e arrestato i due buttafuori con l’accusa di concorso in lesioni personali aggravate. I due stranieri, trasportati all’ospedale di Monterotondo, sono stati medicati e dimessi con 15 e 30 giorni di prognosi.
I medici del pronto soccorso hanno diagnosticato ad entrambi fratture, traumi cranici e ferite multiple al corpo e al viso. Ad avere la peggio, però, è stato il 24enne che dovrà sottoporsi ad un delicato intervento chirurgico per ricomporre le ossa nasali. Gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

Avevano ricevuto alcune offese da parte di due cittadini romeni di 24 e 29 anni e la cosa non gli è andata giù. Così due addetti alla sicurezza di un locale notturno, a fine serata, hanno atteso che la folla si diradasse per individuare i ragazzi “molesti” e dargli una bella lezione. I buttafuori, un 33enne di Terni e un 31enne di Genzano di Roma, entrambi con precedenti, hanno aggredito i due romeni fuori dal locale con calci, pugni e bastonate, scagliate con tale violenza da lasciarli a terra in pochi istanti gravemente feriti.

Una ragazza che faceva parte della stessa comitiva delle vittime ha immediatamente avvisato i Carabinieri che, giunti sul posto, hanno soccorso i feriti e arrestato i due buttafuori con l’accusa di concorso in lesioni personali aggravate. I due stranieri, trasportati all’ospedale di Monterotondo, sono stati medicati e dimessi con 15 e 30 giorni di prognosi.

I medici del pronto soccorso hanno diagnosticato ad entrambi fratture, traumi cranici e ferite multiple al corpo e al viso. Ad avere la peggio, però, è stato il 24enne che dovrà sottoporsi ad un delicato intervento chirurgico per ricomporre le ossa nasali. Gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION