Passione Pin Up, al via il concorso Miss Pin Up WW2 edizione 2018

Passione Pin Up, al via il concorso Miss Pin Up WW2 edizione 2018

E’ nato da una passione, si è evoluto con il tempo fino a coinvolgere sempre più persone, si è affermato e adesso è pronto per una edizione 2018 all’insegna della bellezza e della moda vintage e militare.
Miss Pin Up WW2 è nata dalla vulcanica mente di Vincenzo Toccaceli, fotografo e organizzatore di eventi. Ne parliamo proprio con lui, ripercorrendo le tappe di un concorso unico nel suo genere.

Ci racconti come è nata Miss Pinup?

La mia passione per la fotografia e per l’organizzazione di eventi mi ha portato alcuni anni fa precisamente nel 2014, a realizzare uno shooting fotografico con tema il mondo Pin Up, 14 ragazze e 6 ragazzi parteciparono, ed ebbi a disposizione auto aerei e moto, un bel successo. Dopodichè nel dicembre del 2015 pensai a creare un concorso diverso da tutti i “concorsi” Pin Up che si svolgono dappertutto. Generalmente gli altri concorsi o meglio contest si svolgono in una giornata ed eleggono la loro miss. Noi organizziamo in diverse città selezioni che portano alla finale nazionale.

Da cosa si distingue il “vostro” concorso da quelli esistenti.

La nostra particolarità principale consiste nel far sfilare le concorrenti con due outfit, uno definito civile ed uno militay che richiama la vera nascita del personaggio Pin Up nato durante la seconda guerra mondiale, da qui la nostra sigla WW2, che vede le concorrenti indossare non divise rievocative ma anche solamenti parti di esse da dove far trasparire la loro carica sexy. Possono partecipare donne dai 17 anni in su visto che eleggiamo due Miss, una under 35 ed una over 35.

Qual è lo scopo della manifestazione?

Far rivivere con moltissima allegria gli anni dai 40 ai 50,ed inoltre dare un trampolino di lancio verso il mondo dello spettacolo.

Parlaci dell’edizione che state organizzando ora.

L’edizione del 2018 è partita il 24 giugno con le prime selezioni tenutesi ad Udine, e proseguono in varie città e durante diverse manifestazioni che ci vedono ospiti, come potrete vedere dalle info sulla nostra pagina ufficiale.

Come è cresciuta nel tempo la manifestazione?

La crescita si è potuta constatare già dalla seconda edizione che abbiamo realizzato all’interno del Caput Mundi Summer Edition il 10 giugno 2017. 24 ragazze di varie nazionalità provenienti da molte città italiane come Udine, Palermo, l’Aquila, Latina, Anagni, Roma, Treviso, questo ci ha dato un ulteriore incoraggiamento a continuare questo progetto.

Quali sono le novità della nuova edizione?

Tante le novità che abbiamo già iniziato a presentare alle concorrenti, specialmente nelle location che ci stanno ospitando e che chiedono la nostra presenza con il nostro carrozzone al seguito.

Chi volesse fa ancora tempo per iscriversi?

C’è sempre tempo per iscriversi e per partecipare, abbiamo creato insieme al mio socio Alessandro Conti un meccanismo che premia la partecipazione a più selezioni, le ragazze aquisiscono dei punteggi tramite la consegna di bandierine che ricordano le missioni militari, la somma delle stesse dà la possibilità a chi non fosse stata premiata durante le selezioni di poter essere ripescata per accedere alla finale.

Cosa aspira a divenire nel futuro Miss Pin Up?

La nostra aspirazione è quella di riuscire ad avere una maggiore presenza sul territorio. Ci ispiriamo a Miss Italia come importanza, questo sarà possibile grazie ai nostri partner e sponsor che vogliamo ringraziare, specialmente Sprint Week e Residenza Capriccioli che mettono in palio il premio finale per le due Miss, e consiste in una settimana in Costa Smeralda All Inclusive.

Pagina ufficiale Miss Pin Up WW2

Loading...

Potrebbe interessarti anche...

  • La "banda" della Orange Records Rome presenta "Effetti collaterali". L'intervista
  • Eva Grimaldi e Imma Battaglia presto spose. Alla guida c'è Enzo Miccio
  • Mariella Nava: una riflessione sull'ultimo Sanremo. "Imparate ragazzi, imparate!"
  • Presentazione di "Ali spezzate" antologia nata per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne
  • Il mito della Banshee: dai racconti dei Druidi ai manga scopriamo le caratteristiche di questo spirito ancestrale femminile
  • Canapa Mundi 2019: grande chiusura per la prima fiera d’Italia del settore. Un business in crescita
  • Roma Whisky Festival: ottava edizione con masterclass, degustazioni e seminari. Intervista al "whisky consultant" Pino Perrone
  • Palazzo Farnese di Caprarola: il mistero degli affreschi dell’Anticamera degli angeli
  • Perrotta, Tonetto, Cassetti: compleanno nel pallone al Room26 per Gianluca Caruso
  • Le attrici Miriam Galanti e Katia Greco al Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche di Nino Graziano Luca
  • Scoop intervista Cupido!
  • Gli Elfi tra di noi: nascita, usi e costumi del popolo "luminoso"
  • Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella magica cornice della Pinacoteca del Tesoriere
  • Canapa Mundi, Fiera Internazionale della Canapa. A Roma 10.000 mq di sostenibilità, benessere e nuove frontiere
  • Matteo Cappella presenta "Metropolia", suo primo disco ufficiale. L'intervista
  • Un “Tè Danzante" con Jane Austen: un'esperienza "fuori dal tempo"
  • "Senza Rossetto": all'AAMOD il film di ricerca sull'immaginario femminile alla vigilia del voto del '46
  • Omaggio a Giorgio Gaber: una targa verrà affissa sul condominio di via Londonio, dove il cantautore nacque
  • In onda in prima serata su RAI1 la docufiction “Figli del destino”
  • Masterclass per attori con June Jasmine Davis. Formazione gratuita con Artisti 7607

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION