Papàtrack – Cronache di un papà in quarantena #1

Avete presente quando state per svegliarvi e vi trovate in quella particolare condizione mentale e fisica in cui non siete del tutto svegli e non siete più addormentati profondamente?

Quell’attimo in cui avete il corpo indolenzito, state risalendo dal mondo dei sogni e realizzate chi e dove siete, realizzate che a breve affronterete una nuova giornata e mentalmente analizzate la situazione?

Quando lentamente aprite gli occhi ancora assonnati e pensate.

Un altro giorno…
Un altro lungo giorno di quarantena…
Un altro lungo giorno di ore da riempire…
Con tutto quello che non ho mai tempo di fare…
Leggere libri, maratone di tv e film, tutorial per imparare tante cose nuove…

Poi però spalanchi gli occhi, sopraggiunge la consapevolezza, e mentre il tuo stato d’animo muta da eccitazione per le tante cose che potresti fare a pia mestizia… in quel momento due corpi urlanti si buttano su di te imponendoti il brusco risveglio.

Tempesta e Terremoto.

Piene di energia. Come sempre. Con il sorriso e l’espressione vagamente da serial killer.

Saltano su di te come un pizzaiolo schiaffeggia la pasta prima di stenderla sulla pala.

E già sai come passerà la giornata.
E ti alzi già stanco.

— Continua —

Scritto da Giovanni LemboDisegnato da Marco Sindici

 

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

JOIN THE DISCUSSION