“Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”. Mercoledì 25 maggio premiazione delle scuole vincitrici del premio

Il prossimo 25 maggio, l’Aula Consiliare Giorgio Fregosi di Palazzo Valentini ospita la III edizione del premio “Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” rivolto alle scuole di secondo grado di Roma e provincia.
Scopo del concorso è quello di coinvolgere gli studenti sul tema della mafia e, attraverso la conoscenza e l’approfondimento, utilizzare le  forme espressive ritenute più consone per esprimere  pensieri, idee, considerazioni, riflessioni sul contrasto al  fenomeno e alla cultura mafiosa.
L’iniziativa, promossa dalla Presidenza del Consiglio Provinciale di Roma, in collaborazione con l’assessorato alla Politiche della Scuola, quest’anno sposta il suo centro d’attenzione al sociale, agli infortuni sul lavoro e lo fa portando in scena lo spettacolo teatrale ‘I Giorni Rubati’ che sarà proposto ai ragazzi prima della premiazione.
“Il miglior modo – dichiara Giuseppina Maturani, Presidente del Consiglio provinciale di Roma – di fare memoria di chi non c’è più è proprio quello di impegnarsi, di fare la nostra parte, di sentirci parte attiva del cambiamento”
“A 19 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio ” aggiunge la Maturani ” la Provincia di Roma scende in campo con le scuole per rendere omaggio a due grandi eroi dei nostri tempi, che hanno messo la loro vita al servizio della legalità e della lotta alla mafia. Per questa terza edizione del premio abbiamo deciso di proporre il teatro come strumento per diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro e per far comprendere ai ragazzi come la mafia si sia infiltrata nel tessuto sociale ed economico del Paese, penetrando nell’edilizia pubblica e privata, esponendo i lavoratori ad una elevata insicurezza ed irregolarità della prestazione lavorativa”.
“Giammarco Mereu, vittima di un infortunio sul lavoro e protagonista dello spettacolo ” conclude la presidente del Consiglio provinciale ”  mette a disposizione del pubblico la drammaticità della sua esperienza per diffondere un importante messaggio di denuncia e speranza. Una battaglia per l’affermazione del diritto alla sicurezza dei lavoratori e lotta alle mafie che vede la Provincia di Roma impegnata da tempo”.

Il prossimo 25 maggio, l’Aula Consiliare Giorgio Fregosi di Palazzo Valentini ospita la III edizione del premio “Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” rivolto alle scuole di secondo grado di Roma e provincia.  Scopo del concorso è quello di coinvolgere gli studenti sul tema della mafia e, attraverso la conoscenza e l’approfondimento, utilizzare le  forme espressive ritenute più consone per esprimere  pensieri, idee, considerazioni, riflessioni sul contrasto al  fenomeno e alla cultura mafiosa. L’iniziativa, promossa dalla Presidenza del Consiglio Provinciale di Roma, in collaborazione con l’assessorato alla Politiche della Scuola, quest’anno sposta il suo centro d’attenzione al sociale, agli infortuni sul lavoro e lo fa portando in scena lo spettacolo teatrale ‘I Giorni Rubati’ che sarà proposto ai ragazzi prima della premiazione.

“Il miglior modo – dichiara Giuseppina Maturani, Presidente del Consiglio provinciale di Roma – di fare memoria di chi non c’è più è proprio quello di impegnarsi, di fare la nostra parte, di sentirci parte attiva del cambiamento”. “A 19 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio ” aggiunge la Maturani ” la Provincia di Roma scende in campo con le scuole per rendere omaggio a due grandi eroi dei nostri tempi, che hanno messo la loro vita al servizio della legalità e della lotta alla mafia. Per questa terza edizione del premio abbiamo deciso di proporre il teatro come strumento per diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro e per far comprendere ai ragazzi come la mafia si sia infiltrata nel tessuto sociale ed economico del Paese, penetrando nell’edilizia pubblica e privata, esponendo i lavoratori ad una elevata insicurezza ed irregolarità della prestazione lavorativa”.

“Giammarco Mereu, vittima di un infortunio sul lavoro e protagonista dello spettacolo ” conclude la presidente del Consiglio provinciale ”  mette a disposizione del pubblico la drammaticità della sua esperienza per diffondere un importante messaggio di denuncia e speranza. Una battaglia per l’affermazione del diritto alla sicurezza dei lavoratori e lotta alle mafie che vede la Provincia di Roma impegnata da tempo”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION