Palombara Sabina. Ciummacata a Cretone, 27 e 28 giugno

cretoneImmerso nel verde della Sabina Romana, Cretone è famoso in tutto il Lazio per le sue terme alimentate da sorgenti termominerali sulfuree: un vero paradiso nei primi giorni di calura estiva. Ma Cretone è anche molto altro: è un caratteristico paese di origine medievale ed è un luogo di antiche tradizioni culinarie legate a doppio filo al prodotto di punta del territorio, l’olio extravergine di oliva DOP; ovvero all’ “oro verde” della Sabina che, accoppiato a materie prime genuine, ricercate e rigorosamente a “chilometro zero” riesce a regalare ad ogni ricetta un gusto unico.

E così “Pizza in Piazza”, l’evento che animerà il 27 e 28 giugno la frazione di Palombara Sabina, rappresenta un’occasione gustosa per conoscere un piccolo borgo nascosto del Lazio e per riscoprire i vecchi sapori di una volta: cotte in un grande forno a legna, le pizze saranno condite con i migliori prodotti del territorio e servite insieme ai classici fritti locali e a un’antica specialità laziale come la “Ciummacata”, ovvero le lumache preparate come vuole la tradizione romana: con pomodori pelati, aglio, olio, sale, peperoncino, una vera delizia da mangiare con apposite forchette o con i classici stuzzicadenti di legno. Una tradizione che in questo tratto della Sabina affonda le sue radici in un passato antico, quando in occasione della notte di San Giovanni – che veniva chiamata anche “la notte delle streghe” – i contadini si ritrovavano per una scorpacciata a base di lumache, vino, musiche e balli in piazza. A anche a Cretone, ovviamente, la birra e il buon vino paesano scorreranno a fiumi e ogni serata sarà animata da spettacoli musicali e da quel clima tipico delle feste di una volta che solo nei piccoli borghi è possibile respirare.

Organizzata dall’Associazione Culturale LiberaMente, con il patrocinio del Comune di Palombara Sabina, la manifestazione apre le porte ai visitatori più curiosi che vogliono approfondire la conoscenza di Cretone e del suo territorio. Le origini del primo insediamento di Cretone risalgono al VII secolo a.C., quando, il colle venne abitato per la prima volta, stabilmente, dalle popolazioni sabine; il villaggio arcaico seguì le sorti di tutto il territorio sabino in seguito alla guerra che nel 290 a.C. che portò i Romani, guidati dal console Manio Curio Dentato, a una schiacciante vittoria, che sottopose le città sabine al dominio di Roma. Il Castrum Cretonisviene menzionato per la prima volta in un atto di compravendita del 1276, dal quale risulta l’acquisto del castellarium Podii de Florada parte di Deodatus de Cretone, probabile fondatore del castrum. Circondato da ampie vallate, boschi e sorgenti di acqua, il paese presenta ancora il tipico aspetto di borgo medievale che si sviluppa intorno all’antico castello risalente al XIII Secolo; le sue acque termali, che sgorgano naturalmente da millenni, sono sulfuree, ipotermali e batteriologicamente pure e vengono utilizzate per scopi terapeutici. A pochi chilometri di distanza, meritano sicuramente una visita anche Palombara Sabina, che conserva il meraviglioso Castello Savelli, e il Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION