MONTEROTONDO: Volontari sui banchi di scuola per crescere e migliorare

Mentre le scuole sono ormai in dirittura d’arrivo, i Volontari della CRI di Monterotondo tornano sui banchi di scuola per aumentare ed approfondire le proprie conoscenze e poter così migliorare, in vari contesti, la propria azione umanitaria. Alcuni di loro in queste settimane, unitamente ad altri Volontari del Comitato Locale di Tivoli sotto la cui giurisdizione ricade il territorio di Monterotondo, hanno partecipato ad una serie di iniziative ed eventi formativi organizzati a vario livello dalla CRI per fornire ai Volontari conoscenze e nozioni specifiche nei molteplici campi che vede l’interno Movimento di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa impegnato ogni giorno in 187 Stati e con quasi 100 milioni di Volontari.

Presso il Monastero dei Padri Benedettini di Bassano Romano (VT) due di loro hanno partecipato ad un campo regionale di formazione in cui gli oltre 150 partecipanti, provenienti da tutto il Lazio, hanno affrontato vari percorsi formativi relativi alle attività di emergenza e protezione civile. Matteo ha partecipato al corso per Coordinatore di II Livello di Protezione Civile, una figura altamente specializzata da impiegare in caso di emergenza per l’organizzazione ed il coordinamento delle operazioni di soccorso.
Luca invece, studente del corso di laurea in Scienze Infermieristiche a Monterotondo, ha partecipato al corso per Operatore di Logistica di Posti di Soccorso integrando così le nozioni che già ha acquisito durante il suo percorso di studi. Del corso parla come “un ottimo corso, organizzato da persone competenti che hanno sicuramente dato il loro 100% per curare ogni dettaglio”.
Roberto ha invece partecipato, presso il Comitato Centrale della Croce Rossa Italiana a Roma, al corso nazionale per Addetti alla Comunicazione ed Ufficio Stampa durante cui sono state affrontate tematiche relative all’attività di comunicazione ed informazione connesse con il rilancio di immagine che la Croce Rossa Italiana ha posto in essere nell’ultimo anno. Lo stesso Roberto parteciperà nelle prossime settimane al corso per Regional Disaster Response Team (RDRT) della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, squadre di primo e rapido intervento per le attività internazionali di risposta alle emergenze.

Ma se questi Volontari sono gli studenti, la CRI di Monterotondo può vantare anche un “professore” di tutto rispetto. In occasione del Corso di Formazione per Operatori dell’Area Cooperazione Internazionale, in questi giorni in svolgimento a Solferino (Mantova) e che formerà Volontari CRI capaci di svolgere attività di partnership e scambio culturale con le Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa di tutto il Mondo, sarà Francesco, 30 anni ed in CRI a Monterotondo dal 2003, a guidare il corso in qualità di Direttore di corso e ad occuparsi di parte delle lezioni.

“Siamo fortemente convinti della grande importanza della formazione – dichiara Maria Grazia De Santis, Commissario del Comitato Locale CRI di Tivoli – abbiamo sempre posto molta attenzione in questo campo proprio per consentire ai Volontari di crescere e di svolgere nel migliore dei modi la propria attività umanitaria nei confronti dei più vulnerabili”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION