MONTEROTONDO: Stop agli aiuti materiali

Interrompere, almeno per il momento, la consegna di aiuti materiali per i terremotati d’Abruzzo. E’ l’invito rivolto dall’associazione per la Protezione Civile di Monterotondo, alla luce dell’enorme quantitativo di generi alimentari, vestiario, coperte e materiale utile generosamente donato dai monterotondesi.

“Gran parte del materiale raccolto a Monterotondo è stato inviato stamattina a S. Demetrio ne’ Vestini, il comune aquilano nel quale sono operativi i nostri volontari – sottolinea il portavoce dell’associazione eretina ” ma c’è n’è ancora un grande quantitativo, stoccato presso il palazzetto dello sport dello Scalo grazie alla disposizione del sindaco Lupi, che stiamo imballando per il trasporto. L’invito che rivolgiamo ai cittadini è di sospendere, almeno per il momento, la consegna di generi alimentari, vestiario e materiale vario: l’emergenza, purtroppo, durerà a lungo e sicuramente ci sarà ancora bisogno di aiuto. In un secondo momento cercheremo di individuare quelle specifiche tipologie di prodotti e materiali che dovessero essere più necessari, anche in base alle disposizioni che ci saranno date dal coordinamento nazionale. Teniamo molto a ringraziare e rassicurare tutti coloro che hanno generosamente contribuito: tutto ciò che è stato consegnato sarà inviato in Abruzzo e arriverà a chi ha bisogno. In questo momento, però, è necessario interrompere la raccolta”.
Uno stop alla raccolta di aiuti materiali è arrivata al Comune direttamente dalla Prefettura di Roma, analogamente a quelle diramate su tutto il territorio nazionale da parte del centro coordinamento per gli aiuti ai terremotati: il fabbisogno è per il momento soddisfatto, è inutile e persino controproducente continuare ad inviare quantitativi di merce che sarebbe praticamente impossibile stoccare vista la mancanza di luoghi e strutture idonee. “Ringrazio, a nome dell’Amministrazione comunale, i cittadini di questa città, che ancora una volta hanno dimostrato una grande generosità e una capacità di mobilitazione incredibile ” afferma l’assessore eretino alla Protezione civile Valter Antonini ” siamo fieri di voi e certamente vi sono grati tutti coloro i quali riceveranno i vostri aiuti. La Prefettura però è stata estremamente chiara, anche stamattina, al vertice in Provincia al quale ho partecipato in rappresentanza di Monterotondo: stop, almeno per il momento, alla raccolta di aiuti materiali. L’invito che facciamo è perciò quello di continuare ad aiutare contribuendo alle raccolte di fondi che stanno moltiplicandosi in tutta Italia, come ad esempio quelle promosse dalla Croce Rossa Italiana e dalla Caritas diocesana di Roma: informarsi su modalità e numeri dei conti correnti è semplice, sono riportate su tutti i giornali e su ogni sito d’informazione e specifico”.

Domani a Monterotondo, come su tutto il territorio nazionale, sarà osservato il lutto nazionale: serrande dei negozi semi-abbassate, bandiere nei luoghi pubblici a mezz’asta e listate a lutto. Il sindaco Lupi sta valutando la possibilità di disporre, negli Uffici comunali, momenti di silenzio e raccoglimento in concomitanza con l’inizio delle celebrazioni funebri in Abruzzo.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION