MONTEROTONDO: Proiezione de “La siciliana ribelle”

Ricordare la figura di Rita Atria, la giovane testimone di giustizia pentita di mafia, e morta suicida a soli 17 anni, per sensibilizzare e mettere in evidenza i comportamenti positivi di una ragazza nella lotta alla mafia. E’ questo lo scopo del ciclo, cominciato ieri mattina al cinema Barberini, di proiezioni del film “La siciliana ribelle” che coinvolge gli studenti degli istituti superiori di Roma e provincia.

Un’ iniziativa quella pensata da palazzo Valentini inaugurata dall’ assessore provinciale alla scuola Paola Rita Stella, dal presidente del consiglio provinciale Pina Maturani, dal regista del film, candidato al David di Donatello 2009, Marco Amenta e dall’ attore Paolo Briguglia.
“Quella Rita – ha ricordato Stella parlando ai ragazzi prima della proiezione – e’ una storia fuori dal comune, la storia di una ragazza che ha avuto il coraggio di denunciare la mafia e i mafiosi e una mentalità fatta di pregiudizi”. Dopo Roma le proiezioni gratuite continueranno anche in provincia a Civitavecchia, Frascati, Anzio e Monterotondo. “E’ un’ iniziativa – spiega Maturani – che vuole essere anche un contributo alle scuole per il primo concorso “Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”. Il concorso è indetto dalla Provincia di Roma ed è rivolto agli studenti superiori nel 17esimo anniversario della morte dei due giudici e la cui premiazione si terrà il 29 maggio prossimo.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION