MONTEROTONDO: Occupano un casale, arrestate cinque persone

I Carabinieri della Stazione di Monterotondo hanno arrestato cinque cittadini di nazionalità romena, tutti senza fissa dimora e con precedenti penali per violazione di domicilio. I militari hanno sorpreso gli stranieri all’interno di un casale di proprietà di un 40enne di Roma situato in via Porto Simone. Con molta probabilità l’intento degli stranieri era quello di occupare l’immobile, nel quale si erano riusciti ad introdurre nonostante le precauzioni prese dal proprietario, che a seguito di analoghi episodi verificatisi lo scorso anno, aveva fatto murare tutte le porte e le finestre del pian terreno.
I 5 romeni, dopo aver buttato giù i mattoni che muravano l’ingresso del casale, avevano già iniziato a predisporre un allaccio abusivo alla corrente elettrica e portato all’interno dello stabile alcuni materassi ed oggetti personali.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION