MONTEROTONDO: Il Monterotondo calcio torna sulle sue posizioni

A seguito del comunicato stampa diramato dal Monterondo Calcio il sindaco Mauro Alessandri si palesa “felice per le rinnovate posizione del presidente Della Longa, accettando di buon grado e con estrema soddisfazione la scelta di rimanere, accogliendo le posizioni che l’Amministrazione ha fatto presente, per continuare a rappresentare i colori della nostra Città. In virtù di questo rinnovato sodalizio, come concordato con il presidente Della Longa, non si riscontra la necessità di un ultimo confronto esplicativo, che sarebbe stato al contrario necessario in caso di allontanamento dal nostro territorio”.
Chiarita la fondamentale necessità a portare avanti il rapporto tra società e Amministrazione in base a quelli che sono i termini della convenzione sottoscritta ed ai parametri di un legame basato sull’estrema lealtà e collaborazione tra le parti, il sindaco continua: «Alla luce di queste dichiarazioni, che attestano il riconoscimento delle nostre ragioni, apprendo quanto le esternazioni dei giorni scorsi da parte del presidente Della Longa fossero dettate esclusivamente dalla drammaticità e dalla tensione del momento. Concediamo perciò la nostra disponibilità ad essere vicini al Monterotondo Calcio ” prosegue il sindaco ” come d’altronde a qualsiasi altra società sportiva che porta avanti il nome di Monterotondo nella provincia di Roma, nella Regione Lazio e in tutta Italia. Ripartiremo con rinnovate prospettive, assicurando alla società il massimo sforzo e contributo per reperire fondi da investire sull’impiantistica sportiva di Monterotondo, aderendo a bandi provinciali, regionali, dello stato centrale o europei che rendano le nostre strutture il più all’avanguardia e moderne possibili e facendo in modo che questo comporti altresì un’attenuazione dei costi di gestione. E’ assolutamente basilare però, che sia chiaro come il nostro impianto sportivo debba rimanere tale, senza snaturarne la natura e le finalità per le quali è predisposto”.

Nei prossimi giorni ci sarà quindi una riunione tra l’avvocato Della Longa e gli esponenti dell’Amministrazione per definire le strategie di questo nuovo ciclo.
“Vorrei invitare tutti ” conclude il sindaco Alessandri ” a leggere questa vicenda non come una banale scaramuccia o un piccolo accordo tra me e Della Longa: nel momento in cui si rintracciano i presupposti per ricominciare un percorso insieme, capendo le reciproche posizioni, dimostrando soprattutto attaccamento a Monterotondo, volontà di contribuire al progresso sportivo e alla crescita civile della Città, non ci si ritroverà mai con le porte pregiudizialmente chiuse in faccia da parte dell’Amministrazione. Si troveranno invece porte aperte per la costruzione di un dialogo sereno sulla base di regole certe, prime fra tutte quelle fissate dalla convenzione, nel pieno rispetto di ogni tipo di rapporto con la Città”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION