MONTEROTONDO: Esami degli aspiranti Volontari CRI

 

Si sono svolti sabato 12 marzo gli esami finali del corso base di formazione per Volontari della Croce Rossa Italiana di Monterotondo. Iniziato lo scorso 24 gennaio, il corso ha visto 41 iscritti provenienti da Monterotondo e da alcune località vicine che per 7 settimane hanno condiviso nozioni ed informazioni necessarie per svolgere al meglio la loro mission di Volontari CRI. Passando dalla storia della Croce Rossa alla sua organizzazione, dalle ustioni alla rianimazione cardio polmonare fino a fratture ed immobilizzazioni, i partecipanti al corso hanno sostenuto una prima prova scritta, una seconda prova orale ed infine la prova pratica di rianimazione cardiopolmonare su manichino.
Prima dell’inizio degli esami gli aspiranti, insieme alla commissione d’esame ed a tutto lo staff didattico, hanno osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del violento terremoto che il giorno prima ha colpito il Giappone generando un tremendo tsunami, dimostrando la loro vicinanza alle popolazioni colpite ed alla Croce Rossa Giapponese che sta operando per portare aiuto e soccorso nelle zone devastate dal sisma.
Dopo gli iniziali quiz scritti, che per alcuni dei partecipanti hanno visto necessario un
approfondimento orale con la Commissione Esaminatrice, si sono svolte le prove pratiche sul
manichino in cui sono state eseguite le manovre di rianimazione cardiopolmonare.
Alla fine degli esami tutti i  38  partecipanti  presenti  (gli altri 3,  impossibilitati da impegni personali, li sosterranno più avanti) sono stati promossi e sono quindi diventati a tutti gli effetti Volontari della Croce Rossa Italiana.
Grande ed ovvia soddisfazione per l’esito del corso da parte degli organizzatori.  “Siamo
incredibilmente felici sia per l’alto numero di adesioni che di aspiranti promossi” dichiara
Paride Ferrazza, Commissario del Comitato Locale CRI di Tivoli da cui dipendono i Volontari
CRI di Monterotondo  “e già ad aprile inizierà un nuovo corso per soddisfare le molte
iscrizioni che sono pervenute ma che non è stato possibile soddisfare per gli spazi a
disposizione”.
“Si è trattato di una bellissima esperienza che ci  ha permesso di conoscere moltissime
nuove persone con cui andremo a condividere il nostro  futuro  di  Volontari CRI”,
dichiarano le 17enni Eleonora ed Alessandra. I neo Volontari CRI fanno quindi ora parte in maniera ufficiale della più grande organizzazione umanitaria del Mondo, che conta circa 100 milioni di Volontari in 186 nazioni. Potranno ora  già iniziare a svolgere alcune attività generiche e non specialistiche e, per coloro che vorranno approfondire ed estendere la loro formazione e la loro preparazione, ci sarà la possibilità di partecipare ad ulteriori corsi di specializzazione per far parte ad esempio delle squadre di risposta alle emergenze di protezione civile, per le attività di soccorso sanitario, per la donazione del sangue tra giovani ed adulti, per attività in favore di giovani ed anziani e molto altro ancora.

Si sono svolti sabato 12 marzo gli esami finali del corso base di formazione per Volontari della Croce Rossa Italiana di Monterotondo. Iniziato lo scorso 24 gennaio, il corso ha visto 41 iscritti provenienti da Monterotondo e da alcune località vicine che per 7 settimane hanno condiviso nozioni ed informazioni necessarie per svolgere al meglio la loro mission di Volontari CRI. Passando dalla storia della Croce Rossa alla sua organizzazione, dalle ustioni alla rianimazione cardio polmonare fino a fratture ed immobilizzazioni, i partecipanti al corso hanno sostenuto una prima prova scritta, una seconda prova orale ed infine la prova pratica di rianimazione cardiopolmonare su manichino.

Prima dell’inizio degli esami gli aspiranti, insieme alla commissione d’esame ed a tutto lo staff didattico, hanno osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del violento terremoto che il giorno prima ha colpito il Giappone generando un tremendo tsunami, dimostrando la loro vicinanza alle popolazioni colpite ed alla Croce Rossa Giapponese che sta operando per portare aiuto e soccorso nelle zone devastate dal sisma.

Dopo gli iniziali quiz scritti, che per alcuni dei partecipanti hanno visto necessario un approfondimento orale con la Commissione Esaminatrice, si sono svolte le prove pratiche sul manichino in cui sono state eseguite le manovre di rianimazione cardiopolmonare. Alla fine degli esami tutti i  38  partecipanti  presenti  (gli altri 3,  impossibilitati da impegni personali, li sosterranno più avanti) sono stati promossi e sono quindi diventati a tutti gli effetti Volontari della Croce Rossa Italiana.

Grande ed ovvia soddisfazione per l’esito del corso da parte degli organizzatori.  “Siamo incredibilmente felici sia per l’alto numero di adesioni che di aspiranti promossi” dichiara Paride Ferrazza, Commissario del Comitato Locale CRI di Tivoli da cui dipendono i Volontari CRI di Monterotondo  “e già ad aprile inizierà un nuovo corso per soddisfare le molte iscrizioni che sono pervenute ma che non è stato possibile soddisfare per gli spazi a disposizione”.

“Si è trattato di una bellissima esperienza che ci  ha permesso di conoscere moltissime nuove persone con cui andremo a condividere il nostro  futuro  di  Volontari CRI”, dichiarano le 17enni Eleonora ed Alessandra. I neo Volontari CRI fanno quindi ora parte in maniera ufficiale della più grande organizzazione umanitaria del Mondo, che conta circa 100 milioni di Volontari in 186 nazioni. Potranno ora  già iniziare a svolgere alcune attività generiche e non specialistiche e, per coloro che vorranno approfondire ed estendere la loro formazione e la loro preparazione, ci sarà la possibilità di partecipare ad ulteriori corsi di specializzazione per far parte ad esempio delle squadre di risposta alle emergenze di protezione civile, per le attività di soccorso sanitario, per la donazione del sangue tra giovani ed adulti, per attività in favore di giovani ed anziani e molto altro ancora.

 

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION