MONTEROTONDO: A 12 anni tenta di affogare l’avversario di pallanuoto

Ha soltanto 12 anni il ragazzino che, nel corso di una partita di pallanuoto under 13, ha stretto le mani attorno al collo di un avversario, un suo giovanissimo coetaneo, trattenendolo sott’acqua sino a fargli perdere conoscenza. E’ successo nella piscina di Monterotondo, dove una normalissima sfida sportiva è degenerata fino a rischiare di trasformarsi in tragedia: nel corso della partita che vedeva contrapposte la Latina Pallanuoto ed il Civitavecchia, infatti un giocatore di quest’ultima ha afferrato al collo un avversario e l’ha spinto sott’acqua, impedendogli di riemergere e facendogli perdere conoscenza. Giampiero Mauretti, il Presidente del Comitato regionale della Federazione Italiana Nuoto, ha trasmesso gli atti relativi all’accaduto al Giudice unico regionale affinchè approfondisca e valuti l’aggressione.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION