MENTANA: Le Dancing Majorettes trionfano a Barcellona

Sono partite per Barcellona e sono tornate vincitrici. Sono le 28 ragazze – dagli 11 ai  26 anni – delle Dancing Majorettes, formate nel 1999 ed allenate da Roberta Ruggeri, che hanno partecipato ad una competizione internazionale posizionandosi prime. Un gran bel traguardo, una bella soddisfazione che riempie giustamente di orgoglio la loro allenatrice.
“La gara si chiama secondo Trofeo Internazionale di Bande Musicali e Majorettes – spiega Roberta – e si svolge ogni anno in Spagna dal 10 al 17 ottobre; a noi è toccata Santa Susanna bellissima cittadina con gente calorosa e cordiale”.

E’ stata difficile la preparazione e con cosa vi siete presentate alla giuria?
“La preparazione del gruppo è stata molto difficile anche perchè non sapevamo cosa potesse piacere a livello coreografico e non sapendo chi poi ci potesse giudicare. Alla fine abbiamo portato due coreografie con musiche molto particolari e tecniche della durata di 8 minuti circa senza uscire mai dalla pista. Ovviamente non  preferivano proprio i pom pom (nemmeno io) e quindi ci siamo preparate duramente con il twirling (inteso come bastone delle majorettes). Tutti i giorni allenamento dalle 10 di mattina alle 12.30, però poi il risultato è arrivato. Le squadre dovevano essere 5 poi però una si è ritirata e allora abbiamo sfidato la Francia (3 posto) la Slovenia (2 posto), l’altro gruppo italiano (4 posto) e noi al primo con una coppa bellissima e 3000 euro in contanti”.

A chi vanno i tuoi ringraziamenti?
“I  ringraziamenti vanno  solo ai genitori delle mie majorettes e a loro stesse lasciando i divertimenti della loro età per un momento in cui è importante concentrarsi e responsabilizzarsi nell’affrontare una vera gara e portare a casa il risultato che con sacrificio e sudore hanno ottenuto. E poi vanno  anche a me che non mi abbatto mai! E’ con questo stesso spirito che ho organizzato il secondo Gran Galà delle Mojorettes, che si terrà il 25 Ottobre a Morlupo; ospiterò 300 majorettes, 18 gruppi provenienti da tutta Italia. Sarà l’evento dell’anno”.

Avete raggiunto molti traguardi, e avete reso fiera una cittadina come Mentana, vi sentite apprezzate dai vostri concittadini?
“Portare con orgoglio il nome di Mentana? Abbiamo chiesto un aiuto per la settimana della preparazione al campionato e le palestre comunali e ripeto comunali non ce le hanno date… alla fine il Signor Angelini (della pallavolo) ha capito che non potevamo allenarci su 90 mq di spazio rischiando di farci male e ci ha gentilmente prestato la palestra dove allena le squadre di basket e pallavolo e per questo lo ringrazio. Apprezzate dai nostri cittadini? Non credo… nessuna dimostrazione di apprezzamento, nessun aiuto da parte di nessuno se non da due persone. Spero che almeno questa vittoria faccia sì che qualcuno di alta competenza ogni tanto si ricordi che a  Mentana c’è un gruppo di majorettes che inviadiano in tutta europa”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION