L'INTERVISTA: Gigi Proietti ed i suoi 40 anni

Proietti ringrazia Roma, la sua citta’, con Serata d’onore in cui celebra e festeggia i suoi quarant’anni di Teatro dal 24 Aprile al Teatro Brancaccio. Uno spettacolo in cui l’artista propone i suoi cavalli di battaglia ed un prologo speciale scritto da Gigi Magni in cui l’attore vestendo i panni di Marco Aurelio raccontera’ le gesta della Capitale.

proietti2.jpg

Sono trascorsi quarant’anni da quando hai calcato un palcoscenico la prima volta: e’ cambiato il suo rapporto con il Teatro?
Successe tutto per caso frequentavo giurisprudenza ed ero giovane cosi’ cercavo di ampliare le mie esperienze e mi iscrissi al Centro universitario teatrale. Mi fecero un complimento, dissero che recitavo come Albertazzi. Inoltre sapevo suonare e cantare, cosa rara a quei tempi, e mi chiamarono per fare degli spettacoli. Mi sono reso conto che mi divertivo come un pazzo e mi pagavano per giunta, la passione per il teatro, quella vera, e’ maturata con il tempo. Il teatro per me e’ un gioco, faccio teatro perche’ continuo a giocare. Uno spettacolo sintetizza i sentimenti umani e trasmette gli umori di un periodo storico, della citta’ e della sua gente. Questo e’ il teatro il gioco della vita, dove e’ importante la finzione non intesa come falsita’ ma come accordo tra due persone che si raccontano una bugia, dove nell’illusione c’ la verita’ e l’utopia. A tal proposito ti cito un mio componimento:

Viva er teatro, dove e’ tutto finto
ma gnente c’e’ de farzo, e questo e’ vero.
E ttu lo sai da prima, si ss’e’ ttinto, Otello,
oppuramente e’ nero…

Nessun attore vero v

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION