IN SALA: Caterina va in citta’

cate1.jpg

Da Montalto di Castro a Roma, questo e’ il viaggio che la famiglia Iacovoni – Giancarlo, insegnante con vocazioni letterarie, la remissiva moglie Agata e la loro figlia tredicenne Caterina, fa. Pochi chilometri che sembrano un altro continente, quasi un altro mondo. Caterina e’ timida, ingenua, molto dolce, un pesce fuor d’acqua, e viene sbattuta da un piccolo centro ad una grande metropoli. Il primo impatto e’ drammatico: nella sua scuola si affrontano con battagliero spirito questioni politiche, e lei e’ spiazzata. Lei le teste rasate le vede solo quando i gemelli hanno i pidocchi. Dapprima derisa poi contesa, stringe amicizia con Margherita, figlia di fricchettoni, e poi con Angela, figlia di un deputato di An. Caterina girera’ come una trottola tra mercatini, centri sociali, manifestazioni di piazza, discoteche, boutique d’alta moda, sempre piu’ disorientata e confusa.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION