FONTE NUOVA: Morti due volontari della Protezione Civile

Hanno perso la vita a Tor Lupara, finendo contro un platano che si trova davanti la chiesa di Gesu’ Maestro. Si tratta di Simone Madau, 31 anni, e Violetta TomoVa, 23 anni di origini bulgare. Erano a bordo di una Honda Hornet 600 quando, verso le 22.30 i due giovani hanno perso la vita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Mentana e del nucleo radiomobile di Monterotondo. Ma c’e’ stato poco da fare. I due sono morti prima di arrivare al pronto soccorso di Monterotondo.
Entrambi i ragazzi erano volontari della Protezione Civile ed erano molto conosciuti: Simone era il figlio di Fausto, uno dei pilastri della comunita’ a cui si deve la formazione della Protezione Civile e delle numerose feste che negli anni hanno divertito gli abitanti della zona; Violetta aveva trovato invece nella Protezione Civile una seconda famiglia, era stata accolta, e la Protezione Civile era la sua casa.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION