Cyrano De Bergerac, i versi originali del capolavoro di Edmond Rostand tornano al Teatro Stanze Segrete

Cyrano De Bergerac, i versi originali del capolavoro di Edmond Rostand tornano al Teatro Stanze Segrete

Astronomo, filosofo eccellente. Musico, spadaccino, rimatore, Del ciel viaggiatore, Gran mastro di tic-tac, Amante — non per sè — molto eloquente Qui riposa Cirano Ercole Saviniano Signor di Bergerac, Che in vita sua fu tutto e non fu niente! (Edmond Rostand).
Dopo il successo della scorsa stagione con oltre 600 spettatori e un ottimo riscontro di critica, Cyrano De Bergerac con la regia di Matteo Fasanella e la Darkside Labtheatre, torna in scena dal 7 al 18 febbraio 2018 al Teatro Stanze Segrete di Roma.
Nella sua versione originale in versi, il dramma di Edmond Rostand torna con la sua perfetta scenografia del piccolo scrigno teatrale diretto da Ennio Coltori, che accoglierà ancora una volta l’immortale storia d’amore ispirata alla figura storica di Savinien Cyrano de Bergerac, uno dei più estrosi scrittori del seicento francese.
A proporre il lavoro, partendo dalla versione originale, senza alterarne i versi ma apportando solo qualche taglio, è Darkside LabTheatre Company di Matteo Fasanella, già definita dalla stampa “una fucina di giovani talenti”.
A farla da padrone, ovviamente – forte della poetica narrazione in versi – è una delle storie d’amore più belle che la letteratura abbia mai creato: l’amore, il genio, le virtù, l’uomo.
La lucidità del personaggio maschile, viene ingannata dall’amore, che mette a nudo le fragilità di un uomo quasi perfetto, aldilà delle sue famigerate carenze fisiche. “Chi la vide sorridere conobbe l’ideale”: un ideale che porta Cyrano alla consapevolezza della sconfitta, ed egli affida il suo genio a un uomo che è in grado di soddisfare tutti i suoi sogni. “Se mi par che vi sia di speranza un’ombra, un’ombra sola”: la speranza, meravigliosa e vana, induce Cyrano a rendere questo amore, forse unico, palpitante. Egli utilizza tutte le sue virtù senza però mai slegarsi dalla maschera che lo protegge. Ne rimane talmente vincolato che, anche quando la verità viene a galla, preferisce immolarsi e concedersi alla sua vera musa ispiratrice: la libertà.
Come può l’amore indurre a rinunciare al proprio volto? Come può l’amore portare un uomo a spalleggiare il proprio “nemico” nella conquista del proprio sogno? Interrogativi universali per un’opera altrettanto immortale, in scena al Teatro Stanze Segrete, Via della Penitenza 3, dal 7 al 18 febbraio 2018.

Regia di Matteo Fasanella
con Matteo Fasanella, Virna Zorzan, Gianpiero Botta, Lorenzo Lucchetti, Valerio Rosati, Alessandro Onorati
Scene e costumi: DarkSide LabTheatre Company
Disegno Luci: Francesco Meliciani
Aiuto regia: Virna Zorzan
Dal 7 al 18 febbraio 2018 dal martedì al sabato ore 21.00; domenica ore 19.00
Teatro Stanze Segrete, Via della Penitenza 3. Biglietto 10-15 euro
Info e prenotazioni: 06.6872690, info@stanzesegrete.it

Inserito da: Barbara Andreoli

Potrebbe interessarti anche...

  • Apre in Italia il primo Museo del Saxofono; inaugurazione sabato 7 settembre 2019
  • Genazzano, un luogo dal fascino senza tempo... nel Guinness dei primati!
  • I Festival d’Arte di Strada invadono l’estate italiana 2019: da TolfArte a Carpineto, oltre 300 busker italiani e internazionali
  • Max Nardari tra cinema e Festival: in uscita il nuovo film "Di tutti i colori" e al timone del Film Festival Sabaudia Studios 2019
  • Grazia Di Michele presenta il suo nuovo libro "Apollonia" e l'album "Sante Bambole Puttane"
  • Biografilm Italia 2019: “Noci Sonanti” vince il Premio Hera “Nuovi Talenti”
  • AAA Queen's Drag Queen: bando di audizione per la produzione 2019/2020
  • Anteprima del documentario "Generazione Diabolika", la storia di un locale diventato un fenomeno di costume
  • Informiamici: i progetti vincitori dei liceali si concentrano su pillola del giorno dopo e preservativo
  • "GLITCH, Figli di un Dio confuso": Giulia Soi presenta il secondo romanzo
  • In onda “Io sono Sofia”, film di Silvia Luzi: la storia vera di Sofia, una donna di 28 anni nata maschio e del suo percorso personale
  • Alla scoperta del Labirinto: da Cnosso ai Celti, da Pac-Man fino ad Alice, storia, etimologia, mitologia, di un luogo spesso rappresentato come un dedalo in cui perdersi per ritrovare sé stessi

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION