Rieti. Palio della Madonna del Popolo, il Medioevo rivive ad Antrodoco

Rieti. Palio della Madonna del Popolo, il Medioevo rivive ad Antrodoco

Siete pronti a calarvi nelle atmosfere tipiche del Medioevo?
Il 29 e 30 luglio Antrodoco, uno dei più caratteristici paesi della provincia di Rieti, torna ad essere il Castaldato che fu tra il 1228 ed il 1371. “Castaldato in Festa: Palio della Madonna del Popolo”, è il nome della manifestazione che farà rivivere come per magia le pagine dell’Antrodoco medievale tra alfieri, giullari, damigelle e cavalieri; un evento che si svilupperà nelle giornate di sabato 29 luglio, “La notte della Dama e degli arcieri”, e di domenica 30, “Corteo storico e Palio Madonna del Popolo”, con un ricchissimo programma di eventi, intrattenimenti e rievocazioni.

Sabato, dopo la lettura del bando che comunicherà l’inizio della festa, i visitatori potranno assistere alla ricostruzione e all’animazione di un accampamento medievale curata dalla Compagnia d’arme “Mos Ferri” di Rieti, dove nel pomeriggio si terranno anche i duelli d’arme e le dimostrazioni per grandi e bambini. Alle ore 18, dopo la Giostra e i giochi medievali, sarà la volta dello spettacolare corteo delle Dame, a cui sarà intitolato il banchetto nei Rioni; un vero e proprio viaggio nella gastronomia laziale a cui parteciperanno le pro loco di Amatrice (che cucinerà l’amatriciana), di Accumoli (arrosticini e prodotti tipici), Borgovelino (ciambelle fritte) e Cittaducale, mentre il Comitato San Giovanni preparerà la pasta alla gricia. Dopo la lettura del bando il lingua volgare – accompagnata dall’esibizione della compagnia Tamburi di Antrodoco – sarà proclamata la Dama “Palio della Madonna del Popolo” e saranno presentati gli arcieri che si sfideranno il giorno successivo.

Quella del 30 luglio sarà una lunga giornata che si aprirà già alle 10 con le atmosfere medievali Arte ed Artigianato e le compagnie di arcieri di Antrodoco e di San Giovanni Reatino, e che proseguirà con il Palio Madonna del Popolo nel piazzale di Santa Maria Extra Moenia e con il Corteo storico: centinaia di figuranti sfileranno per il centro di Antrodoco in abiti realizzati per l’occasione, seguendo bozzetti che ricalcano fedelmente documenti e dipinti del tempo; il paese sarà così “invaso” di dame e cavalieri, alfieri, eserciti con armi, mezzi di trasporto del tempo; e ancora animali, cortigiani, giullari, damigelle e popolani. E sarà festa anche in serata, con il pasto del viandante nelle taverne e osterie del centro storico, le esibizioni dei tamburi e sbandieratori di Narni, degli sbandieratori citta de L’Aquila e della compagnia Tamburi di Antrodoco. Dalle 23 in poi il gran finale, con la proclamazione del Rione vincitore del Palio 2017 e l’incendio della Rocchetta che darà a tutti l’appuntamento al prossimo anno.

Per due giorni, insomma, Antrodoco ripercorrerà alcuni dei momenti più importanti della propria storia: dalla pace di Anagni tra l’imperatore Federico II e Papa Gregorio IX all’arrivo di Federico II al Castello, dal matrimonio tra Guglielmo Da Palarago e Alterigia fino all’intervento della Regina Giovanna I contro Giuntarello da Poppleto che si era impossessato della Fortezza. Un glorioso passato che ha lasciato tracce indelebili nel paese, attraversato dal fiume Velino e circondato da tre imponenti gruppi montuosi: il Monte Giano (dove è visibile la famosa scritta realizzata nel 1939 con alberi di pino in onore di Benito Mussolini), il Monte Nuria e il Monte Elefante. Fino al 1927 Antrodoco faceva parte della provincia dell’Aquila e oggi è considerato il “Centro d’Italia”, segnato da un piccolo obelisco sormontato da una sfera metallica collocato nei pressi della chiesa di Santa Maria Extra Moenia, che con il suo Battistero rappresenta il più importante monumento del paese.

Loading...

Potrebbe interessarti anche...

  • Arriva su Netflix "Sulla mia pelle. Gli ultimi 7 giorni di Stefano Cucchi"
  • Rome Bondage Week: Arte, Eros e Performance a Roma dal 20 al 23 settembre con ospiti da tutto il mondo
  • Amore a quattro zampe. Wolf, Sally, Elsa, Precious Paws Atreju: le loro storie
  • Al Giffoni Film Festival, #I DOG YOU conquista le celebrities: da Anna Valle al Trio Medusa, da Ferzan Ozpetek a Victoria Cabello
  • #I DOG YOU al Giffoni Film Festival
  • Marco Giallini nel video di "La vita è una", nuovo singolo del "Muro del canto"
  • Netflix lancia Smart Downloads, il download intelligente
  • "A Christmas Carol" vince il premio Studio Universal. Andrà in onda nella trasmissione "A noi piace corto"
  • "Un amico non si abbandona": Michele Zarrillo testimonial per la campagna contro l'abbandono estivo degli animali domestici
  • Finale del Concorso Nazionale Miss Pin Up WW2: vince la bellezza vintage!
  • Ginnastica in Festa 2018: Vanessa Ferrari, Marco Lodadio e Lorenzo Galli hanno incontrato i fan alla Fiera di Rimini
  • La giovanissima attrice romana Letizia Pinocci presto ad Hollywood con "The White Stallion" ricevuta dall'ambasciatore di Monte-Carlo con il cast del film "Mission Possible"
  • Amore a quattro zampe. Gli amici pelosi dei nostri lettori si raccontano
  • La casa di produzione West 46TH Films premia i migliori cortometraggi
  • Cosa sai dell’Africa e di chi fugge da guerre e miseria? Scoprilo con il pluripremiato “This in Congo”, inedito in Italia, in onda su Sky Atlantic
  • Finale Miss Pin Up WW2 al Fabulous: l'evento vintage dell'estate!
  • La bufala della raccolta sangue per la leucemia di Riccardo Capriccioli

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION