• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Cultura e Spettacolo / “Capanno al mare in blu verbale”, Marco Nero Rotelli in mostra a Forte dei Marmi

“Capanno al mare in blu verbale”, Marco Nero Rotelli in mostra a Forte dei Marmi

“Capanno al mare in blu verbale”, Marco Nero Rotelli in mostra a Forte dei Marmi

Alla Fondazione Villa Bertelli, Marco Nereo Rotelli con la mostra Capanno al mare in blu verbale, a cura di Guido Andrea Pautasso e organizzata dall’associazione culturale Art Project (catalogo Edizioni Franche Tirature), espone un percorso trentennale di creazioni artistiche realizzate a Forte dei Marmi, portando alla luce il vero spirito di questo luogo magico e fuori dal tempo.

A ispirare a Rotelli, uno dei più grandi rappresentanti dell’arte contemporanea italiana, il titolo della mostra è stata la poetica figurativa del pittore Carlo Carrà. In particolare Rotelli si è lasciato catturare da una serie di tele, intitolate Capanni al mare, dove Carrà ha saputo rendere visibile la sua grande sapienza compositiva e cromatica dipingendo capanni solitari, posati sulla spiaggia come se fossero delle colorate divinità metafisiche colorate. E Rotelli ha preso possesso della forza del colore blu con cui erano dipinti alcuni di quei capanni, lo ha reso attuale, moderno, vivo, palpitante e lo ha posto al centro del suo agire artistico. Non a caso molte opere dell’artista sono dedicate al mare, al tema della luce e alla ricerca dell’Assoluto: il blu profondo, l’azzurro e il bianco non si affermano soltanto in quanto colori od insiemi cromatici raccolti dall’artista sulla tela, bensì rappresentano densità di pensiero e di emozioni, si fanno concetto ed espressione intellettuale dell’essere, quasi il dipingere fosse la ricerca di un punto di tangenza con il mistero che vive nell’Arte.

Con Capanno al mare in blu verbale Rotelli spinge lo spettatore ad immergersi nella sua Arte, oltre i confini della pittura, a vivere le sue installazioni luminose, le sue superfici specchianti, le sue fotopitture, i suoi grafo-poemi e le sue giare della poesia, le opere costruiti con i versi dei poeti più famosi del mondo e con parole e simboli prelevati da civiltà primeve e popoli primitivi, per scavare nel profondo e per riportare alla luce, il segreto, l’essenza pura dell’Arte stessa.

In nome di un costante desiderio di sperimentare in Arte, Rotelli cmette letteralmente a soqquadro il sistema formale dell’arte tradizionale dando vita ad operazioni, non agendo con la materia ma intervenendo attraverso combinazioni di materiali. Le sue cre-azioni solidificano pensieri e poesie che, attraverso l’ibridazione dei linguaggi artistici, danno vita a quadri e installazioni che a loro volta si affermano come un vero «spazio di libertà», come luoghi magici, come superfici interattive e pulsanti, realtà artistiche che trovano la loro ragione di essere negli spazi straordinari della Villa Bertelli, capitale culturale della Versilia.

Marco Nereo Rotelli ha esposto le sue opere e le sue installazioni interattive nei più importanti musei e centri culturali internazionali e, dopo aver partecipato a otto Biennali di Venezia – dal 1986 al 2017 più due grandi installazioni ‘parole del cinema’ al Lido, prodotto dall’Ente Biennale per il Festival del Cinema e Teatro di parole Ale Tese con parole donate da Fernanda Pivano per la Biennale del Teatro – propone a Forte dei marmi una mostra che in realtà è un vero e proprio evento, una esperienza unica, perché attraverso la fluidità delle immagini e i mille riflessi di luce che sprigionano dalle sue creazioni, l’uomo può comprendere come l’Arte stessa sia cambiata e sia diventata una vera e propria emozione da vivere e soprattutto da condividere.

Dal 1 luglio al 4 settembre, Villa Bertelli. Via Giuseppe Mazzini, 200, 55042 Forte dei Marmi (LU)

Inserito da: Barbara Andreoli

Potrebbe interessarti anche...

  • Ad Albano la 31esima edizione del Festival Liszt, per rivivere il grande Romanticismo Europeo.
  • Rieti. Tornano "I Musicanti di Brema" al Teatro delle Condizioni Avverse
  • A Fiano Romano premiati i protagonisti di Fantabici 2017
  • Al Piper di Roma la finale del Tour Music Fest. La giuria presieduta da Mogol sceglierà il vincitore
  • Monterotondo. Spettacolo teatrale "Progetti di delirio"
  • Per il progetto ABC Alessandro RAK incontra i giovani di Roma e del Lazio con il pluripremiato “L’Arte della Felicità”
  • Monterotondo. Beni comuni: una rete dal basso per migliorare la vita della comunità
  • Monterotondo. Lotta alla povertà: arriva il Reddito di inclusione
  • Dal 10 al 12 novembre al Jailbreak di Roma le semifinali del Tour Music Fest 2017
  • Frosinone. Ciak tra i lupi per Maria Grazia Cucinotta e Christopher Lambert
  • Per ABC, Cinema&Storia: i giovani di Roma e del Lazio rivivono lo sbarco di Anzio del 22 gennaio 1944
  • Teatro Stanze Segrete, dal 3 al 26 novembre: Brothers, dal capolavoro di David Benioff
  • Rieti. Paganico Sabino riscopre il suo passato contadino con la “Castagnata”
  • Festa del Cinema di Roma: mostra Jupiter in Saturn – A Twin Peaks Tribute
  • Mentana. Nuovo Museo Garibaldino tra tradizione ed innovazione tecnologica
  • Progetto Safety car: intervento di prevenzione degli incidenti stradali nel nord est
  • Francesco Montanari narratore d’eccezione per “A Spasso con ABC – Un Altro Sguardo”
  • Brothers, al Teatro Stanze Segrete una nuova prova d'autore
  • All’VIII Festival della Diplomazia l’incontro con Akira Wada del Tokyo Institute of Technology
  • L'Istituto Comprensivo Tivoli IV vince il concorso YOUNGO “I colori dell’Amicizia, i colori di Yo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *