Clericus Cup: Collegio Urbano altra finalista

Clericus Cup: Collegio Urbano altra finalista

Non è azzurro il cielo sotto il Cupolone, oggi, come non è più celeste il tetto della Clericus Cup. Il Mater Ecclesiae, campione in carica, esce infatti dal Mondiale vaticano, sconfitto 3-1 dall’uragano Urbano, il Pontificio Collegio di Propaganda Fide, che vendica così la finale 2016, persa ai rigori, qualificandosi,  da favorita, alla finale del torneo, contro la Gregoriana, già da una settimana con in mano un pass da pretendente alla Coppa con il Saturno.

Il match di questa mattina al Centro Sportivo Pio XI, a tratti giocato sotto una pioggia torrenziale, è anche calcisticamente un diluvio di azioni d’attacco per i biancogialli missionari per l’evangelizzazione dei popoli. All’intervallo è 7-1 il conto dei corner in favore dei Leoni d’Africa, ingabbiati per un tempo sul punteggio di 0-0 dagli esperti mariani. I ruggiti arrivano però subito ad inizio ripresa, il primo e l’ultimo gol portano la firma di Sifiso Ndlovu, un anno fa mvp della Clericus Cup e oggi tornato a livelli eccelsi. A fine partita sarà personalmente il Vescovo in Eshowe, mons. Taddeus Khumalo, assieme all’ambasciatore sudafricano presso la Santa Sede, Georges Johannes, a fare i complimenti al 27enne zulu.

“I suoi gol sono un bene per il Sudafrica e per l’evangelizzazione – ha detto il Vescovo a fine gara – Questo torneo è straordinario, perchè mette insieme i ragazzi. Anche nel calcio è vero si possono utilizzare al meglio i doni per la Gloria di Dio”. Tra il primo ed il terzo gol di Ndlovu, nel taccuino dell’arbitro entrano anche la rete del senegalese Badji e la rete celeste dell’indiano Sessayyam, quella del momentaneo 2-1 che aveva ridato fiducia e un po’ di speranza al messicano Luis Alvarez, il bomber dell’Ecclesiae, e a padre Oscar O Turrion, il rettore-giocatore salamantino del Collegio dei Legionari di Cristo. Tra gli africani un po’ di delusione solo per il portiere urbaniano, il neo diacono Morris Malila, dal Botswana, dispiaciuto per aver incassato il suo primo gol in questa stagione 2017 della Clericus. Malila come il capitano Ntsama guardano però avanti, a sabato prossimo, quando contro la Gregoriana giocheranno la loro quarta finale consecutiva. Sarà una settimana di passione quella che separa loro e gli studenti dell’Università gesuita dall’assegnazione dell’undicesimo scudetto Clericus Csi. Per il bronzo sarà tutto derby mariano fra Redemptoris Mater e Mater Ecclesiae.

Potrebbe interessarti anche...

  • Apre in Italia il primo Museo del Saxofono; inaugurazione sabato 7 settembre 2019
  • Genazzano, un luogo dal fascino senza tempo... nel Guinness dei primati!
  • I Festival d’Arte di Strada invadono l’estate italiana 2019: da TolfArte a Carpineto, oltre 300 busker italiani e internazionali
  • Max Nardari tra cinema e Festival: in uscita il nuovo film "Di tutti i colori" e al timone del Film Festival Sabaudia Studios 2019
  • Grazia Di Michele presenta il suo nuovo libro "Apollonia" e l'album "Sante Bambole Puttane"
  • Biografilm Italia 2019: “Noci Sonanti” vince il Premio Hera “Nuovi Talenti”
  • AAA Queen's Drag Queen: bando di audizione per la produzione 2019/2020
  • Anteprima del documentario "Generazione Diabolika", la storia di un locale diventato un fenomeno di costume
  • Informiamici: i progetti vincitori dei liceali si concentrano su pillola del giorno dopo e preservativo
  • "GLITCH, Figli di un Dio confuso": Giulia Soi presenta il secondo romanzo
  • In onda “Io sono Sofia”, film di Silvia Luzi: la storia vera di Sofia, una donna di 28 anni nata maschio e del suo percorso personale
  • Alla scoperta del Labirinto: da Cnosso ai Celti, da Pac-Man fino ad Alice, storia, etimologia, mitologia, di un luogo spesso rappresentato come un dedalo in cui perdersi per ritrovare sé stessi

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION