Jerry Calà al Terni Pop Film Fest: “La gente ha tutto il diritto anche di vedere una bella stronzata”

“Il politicamente corretto sta uccidendo la commedia. Al cinema non si può più dire nulla ormai… è una vera ipocrisia!” ha esordito così Jerry Calà nella serata inaugurale della seconda edizione del Terni Pop Film Fest, dove ha ricevuto il Premio alla carriera.

Il comico, nell’incontro con il pubblico che ha preceduto la proiezione del suo ultimo film Odissea nell’ospizio, si è scagliato anche contro una certa critica cinematografica “che cerca sempre un messaggio celato dietro la comicità”. Un atteggiamento, questo, che finisce inevitabilmente per inibire gli autori. “L’unico che se ne frega – ha continuato l’artista – è Checco Zalone. Che poi è anche quello che al botteghino incassa 60 milioni, mentre certo cinema italiano arriva a fare al massimo 300 mila euro!”.

C’è anche un po’ di amarezza nelle parole del comico, che non ha esitato a far presente come lui stesso sia stato spesso schernito dalla critica, motivo per cui è stato così felice di ricevere un Premio alla carriera ieri sera. Anche perché “certi premi andrebbero dati agli artisti fino a che sono in vita, senza aspettare che muoiano per poi rivalutarli”.

L’attore e regista ha poi spiegato come questo “voler rientrare a tutti i costi all’interno di un pensiero unico finisca per uccidere la commedia”. La differenza tra la commedia che si faceva negli anni Ottanta e quella che si fa oggi è che “allora non si aveva paura di utilizzare il gergo comune che usa la gente per parlare – ha spiegato – oggi invece non si può più dire nulla. Appena usi una parola fuori posto ti chiamano i sindacati. Ma la comicità è scorretta, deve esserlo!”.

Non sono poi mancati i momenti di nostalgia e di riconoscenza verso i tanti registi con cui Jerry Calà ha avuto l’onore di lavorare, su tutti Carlo Vanzina: “Ho avuto la fortuna di incontrare grandi registi che negli anni Ottanta hanno avuto l’intuizione di fare dei film che sono entrati nel costume italiano. Sapore di mare o Vacanze di Natale sono diventati quasi dei film che ci si tramanda di padre in figlio. Certe pellicole, nella loro leggerezza, sono diventate un vero e proprio documento di costume di un’epoca”.

L’artista ha concluso ringraziando più volte il Direttore artistico Antonio Valerio Spera e l’invito alla manifestazione, per cui ha speso parole importanti: “Onore al merito per aver creato un festival del cinema popolare. È un genere che deve essere rivalutato. La gente va al cinema per rilassarsi e ha tutto il diritto anche di vedere una bella stronzata”.

About the author

Segnala, commenta, fotografa, videodenuncia, videosegnala, polemizza, inviaci complimenti e/o insulti alla mail info@sitopreferito.it

Related

JOIN THE DISCUSSION