TIVOLI: Un nigeriano aggredisce il gestore di un bar e i suoi clienti

In preda ai fumi dell’alcool ha dapprima aggredito il gestore di un bar di piazza Garibaldi, a Tivoli, e poi tutti i clienti, lanciando sgabelli, tavoli e quant’altro trovasse sulla sua strada, infrangendo per ultima anche una vetrina del locale. Intimoriti dal suo atteggiamento, i clienti ed il gestore del bar hanno avvertito il 113. Gli agenti della polizia di Stato della Questura di Roma, in seguito alle segnalazioni sono quindi giunti sul posto constatando l’effettiva pericolosità dell’uomo, che alla loro vista non ha dato cenno alcuno di calmarsi, ma al contrario gli si è avventato contro con violenza, minacciandoli e lanciando invettive nei loro confronti. Con non poca difficoltà, i poliziotti intervenuti sono riusciti a bloccarlo dopo una breve colluttazione nella quale tutti sono caduti a terra rovinosamente. J.I., cittadino nigeriano di 27 anni, accompagnato nei locali del commissariato di Tivoli è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato, e denunciato in stato di libertà per minacce e ingiurie.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION