TIVOLI: Abusivismo, Patto per la legalità tra la procura di Tivoli e la Regione

Assicurare un’efficace attività di prevenzione e repressione dell’abusivismo urbanistico – edilizio. Questo l’obiettivo della convenzione firmata tra la procura di Tivoli e la Regione Lazio. L’atto formale è stato presentato nel corso di un incontro presso la Procura di Tivoli, al quale erano presenti il procuratore Luigi De Ficchy e l’assessore all’Urbanistica e vicepresidente della giunta regionale del Lazio, Esterino Montino.

“Quando si è cercato di individuare ditte per le demolizioni, abbiamo trovato serie difficoltà: gare deserte o ditte ritenute non idonee a fare i lavori – ha dichiarato Luigi De Ficchy – Con la convenzione firmata superiamo proprio queste situazioni di difficoltà”.
La convenzione è finalizzata a supportare la Procura nelle procedure per gli interventi di demolizione, per il tramite della struttura tecnico-operativa della Regione Lazio. Previste procedure certe e rapide: gli interventi sono richiesti dal magistrato che cura l’esecuzione delle sentenze e l’ufficio regionale, entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta esprime, un parere indicando costi, tempi e modalità.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION