MONTEROTONDO:Piano di zona intercomunale dei Servizi Sociali

Presentato alla Regione il Piano di zona intercomunale dei Servizi Sociali
Un salto culturale per il welfare locale

I Comuni del distretto -Monterotondo, Mentana e Fonte Nuova- hanno trasmesso in data odierna alla Regione Lazio gli elaborati relativi al Piano di Zona dei Servizi Sociali 2003-2005.
Redatto dall’Ufficio di coordinamento sovracomunale in ottemperanza alla legge quadro 328 del 2000, il Piano e’ lo strumento necessario per la programmazione, la pianificazione e l’ottimizzazione dei servizi socio-assistenziali erogati nel territorio e delle risorse disponibili, da attuarsi attraverso strategie omogenee dei vari soggetti erogatori, Comuni, ASL e privato sociale, chiamati a collaborare nella realizzazione dei servizi stessi.
Il Piano, basato su un’attenta lettura delle caratteristiche, delle risorse e delle problematiche del territorio, affronta due necessita’ fondamentali: l’assistenza domiciliare rivolta a fasce deboli (anziani, minori e disabili) e il contrasto della poverta’ e del disagio sociale. All’uopo sono stati concepiti progetti specifici, co-finanziati dal Fondo Sociale Nazionale, dalla Regione Lazio e dalla Provincia di Roma, e finalizzati:
– all’ampliamento dell’assistenza domiciliare per tutte le categorie disagiate, in particolare per i disabili gravi (ai sensi della legge 162/98);
– alla costituzione di gruppi di minori disabili da impiegarsi in attivita’ formative propedeutiche all’accesso presso il Centro diurno;
– agli interventi di contrasto alla dispersione scolastica di minori e alla gestione di due centri d’assistenza diurni, uno a Monterotondo e uno a Mentana;
– ai progetti finalizzati al contrasto della poverta’ con modalita’ diverse;
– all’inserimento socio-lavorativo dei soggetti deboli, in collaborazione con il Centro provinciale per l’impiego;
– all’apertura di uno sportello itinerante d’assistenza alle famiglie, ogni giorno in un comune diverso dei tre coinvolti.
I principi che sottintendono alla costruzione del Piano rappresentano un salto di qualita’ tanto nella cultura quanto nelle modalita’ operative delle politiche sociali.
Da un punto di vista culturale, conformemente ai principi ispiratori della Legge Turco, il Piano di zona permette la costruzione di una ‘rete di sostegno

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION