MONTEROTONDO: "Valorizziamo l'esempio di Angelo Frammartino"

“A un anno di distanza e’ ancora forte il dolore per la morte di Angelo Frammartino, vittima della follia delle guerra e della violenza. Il suo impegno di giovane volontario per la pace ancora oggi e’ un esempio per tutti. Angelo ci ha insegnato che la non-violenza e il confronto quotidiano sono le uniche strade possibili per il superamento dei conflitti – lo dichiara Luigi Nieri, assessore al Bilancio, programmazione economico-finanziarie e partecipazione della Regione Lazio -. Insieme alla sua famiglia, al papa’ Michelangelo e agli amici abbiamo avviato come Regione Lazio una serie di progetti per conservare il suo prezioso lavoro. Nella finanziaria 2007 sono stati stanziati 500 mila euro per la costruzione di una Casa della Pace a Monterotondo dedicata a lui. Inoltre e’ previsto uno stanziamento di 100 mila euro come contributo per la Fondazione Angelo Frammartino. Le istituzioni hanno il dovere di valorizzare le esperienze dei cittadini che si sono adoperati per migliorare questo mondo. E’ importante inoltre promuovere e diffondere quegli stessi valori che ne hanno ispirato le azioni”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION