MONTEROTONDO: Una festa speciale all’eSpazia per la fine dell’anno scolastico

Si concluderà con una festa speciale, questo anno scolastico, all’I.C. eSpazia. “Una festa insolita ed originale – dice la Preside, Caterina Manco – con la quale diremo a molti che nella nostra scuola ci sono persone speciali, uniche e irripetibili, e che qui si intrecciano “fili di vita diversi”, multiformi e variegati, che arrivano dai luoghi più disparati, certi di trovare qualcuno che li accoglie, li raccoglie e li intreccia per farne un gruppo in cui ciascuno, e tutti possono ritrovarsi. I ragazzi l’hanno già raccontata questa scuola, insieme ai loro insegnanti, nelle storie che saranno esposte al Parco Arcobaleno mercoledì 8 giugno, il giorno della festa. Ma quel giorno la racconteremo anche in giro, la nostra scuola, perché tanti altri la conoscano per quello che è: un intreccio di fili diversi che, insieme, costruiscono un armonioso arcobaleno di colori. Docenti e alunni, insieme a molti genitori che accompagneranno le classi, saranno nelle strade, nei giardini, nelle piazze e in tanti altri luoghi dove inviteranno i passanti a giocare con loro intrecciando i fili colorati e, costruendo scooby doo, con un gioco semplice e leggero proporranno la metafora allegra di quella cosa molto seria – l’intreccio delle storie e delle vite – che si impara solo vivendo insieme e condividendo sogni e speranze per un futuro migliore. Cercateci in giro, allora, mercoledì 8 giugno, o venite a trovarci, alla fine della mattinata, quando la festa si concluderà con un pic nic al Parco Arcobaleno”.

Si concluderà con una festa speciale, questo anno scolastico, all’I.C. eSpazia. “Una festa insolita ed originale – dice la Preside, Caterina Manco – con la quale diremo a molti che nella nostra scuola ci sono persone speciali, uniche e irripetibili, e che qui si intrecciano “fili di vita diversi”, multiformi e variegati, che arrivano dai luoghi più disparati, certi di trovare qualcuno che li accoglie, li raccoglie e li intreccia per farne un gruppo in cui ciascuno, e tutti possono ritrovarsi. I ragazzi l’hanno già raccontata questa scuola, insieme ai loro insegnanti, nelle storie che saranno esposte al Parco Arcobaleno mercoledì 8 giugno, il giorno della festa. Ma quel giorno la racconteremo anche in giro, la nostra scuola, perché tanti altri la conoscano per quello che è: un intreccio di fili diversi che, insieme, costruiscono un armonioso arcobaleno di colori. Docenti e alunni, insieme a molti genitori che accompagneranno le classi, saranno nelle strade, nei giardini, nelle piazze e in tanti altri luoghi dove inviteranno i passanti a giocare con loro intrecciando i fili colorati e, costruendo scooby doo, con un gioco semplice e leggero proporranno la metafora allegra di quella cosa molto seria – l’intreccio delle storie e delle vite – che si impara solo vivendo insieme e condividendo sogni e speranze per un futuro migliore. Cercateci in giro, allora, mercoledì 8 giugno, o venite a trovarci, alla fine della mattinata, quando la festa si concluderà con un pic nic al Parco Arcobaleno”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION