MONTEROTONDO: Taglia di 500 euro per il killer dei gatti

L’Aidaa (Associazione italiana difesa animali e ambiente) “ha stanziato una taglia di 500 euro per chi individua e denuncia con prove inconfutabili all’associazione e alle forze dell’ordine il responsabile di questa mattanza”. A Monterotondo, denuncia l’associazione, “sono oramai diverse le segnalazioni relative alla scomparsa di gatti” e molti di  loro sonmo stati trovati morti a causa di avvelenamento.

La zona di scomparsa è prevalentemente quella di via Gramsci, per questo “è scattata la ricerca del maniaco assassino di gatti che nel giro degli ultimi quattro mesi potrebbe essere il responsabile della morte per avvelenamento di almeno 20 gatti”. “E’ una cosa vergognosa ” dice Lorenzo Croce presidente nazionale di Aidaa ” che ancora oggi ci siano in giro persone incivili che si divertono a uccidere i gatti con il veleno, nel caso di Monterotondo poi abbiamo la certezza che in diversi casi i gatti sono stati avvelenati con lo stesso tipo di veleno e per questo crediamo che l’avvelenatore sia una singola persona. Da qui la decisione di mettere una ricompensa di 500 euro per chi denuncia con prove certe l’avvelenatore bloccando cosi questa assurda moria di mici”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION