MONTEROTONDO: ‘Sentenza del Tar su ospedale Bracciano: segnale positivo”

 

“Un segnale positivo che conforta anche il nostro impegno per il SS Gonfalone”. E’ il commento
del sindaco Mauro Alessandri alla notizia della bocciatura da parte del Tar della chiusura
dell’ospedale di Bracciano, decisa a seguito del ricorso presentato da sette comuni dell’area
braccianese e litoranea.
Prosegue il sindaco: “In vista del pronunciamento del Capo dello Stato riguardo il nostro ricorso
e quello analogo inoltrato dal comune di Frascati, il pronunciamento del Tar sull’ospedale di
Bracciano può rappresentare senz’altro un presupposto favorevole alle nostre istanze”.
La decisione del Tar non è l’unico elemento positivo. “Ci confortano molto anche le dichiarazioni
della presidente Polverini, la quale, a differenza di alcuni esponenti della sua maggioranza,
conferma in queste ore la corregibilità del piano di riordino ospedaliero regionale e invita le parti
a mettere in campo buonsenso per un sistema che garantisca il diritto alla salute oltre che conti in
ordine”.
Nel sottolineare che «se l’Amministrazione regionale avesse a suo tempo acconsentito ad un
confronto più ampio ed articolato con le realtà locali, questi elementi di buonsenso sarebbero già
emersi in tutta la loro evidenza e ora non staremmo ad attendere gli esiti di ricorsi amministrativi
per conoscere il destino degli ospedali tra cui il SS Gonfalone», il sindaco rileva in ogni
caso che “c’è ancora tempo e modo per recuperare, come dimostra il senso d’equilibrio e di
disponibilità manifestati dalla presidente Polverini nella circostanza. Presupposti che, insieme agli
elementi di certezza giuridica, fanno ben sperare su una conclusione positiva della vicenda”.

“Un segnale positivo che conforta anche il nostro impegno per il SS Gonfalone”. E’ il commento del sindaco Mauro Alessandri alla notizia della bocciatura da parte del Tar della chiusura dell’ospedale di Bracciano, decisa a seguito del ricorso presentato da sette comuni dell’area braccianese e litoranea. Prosegue il sindaco: “In vista del pronunciamento del Capo dello Stato riguardo il nostro ricorso e quello analogo inoltrato dal comune di Frascati, il pronunciamento del Tar sull’ospedale di Bracciano può rappresentare senz’altro un presupposto favorevole alle nostre istanze”.

La decisione del Tar non è l’unico elemento positivo. “Ci confortano molto anche le dichiarazioni della presidente Polverini, la quale, a differenza di alcuni esponenti della sua maggioranza, conferma in queste ore la corregibilità del piano di riordino ospedaliero regionale e invita le parti a mettere in campo buonsenso per un sistema che garantisca il diritto alla salute oltre che conti in ordine”.

Nel sottolineare che «se l’Amministrazione regionale avesse a suo tempo acconsentito ad un confronto più ampio ed articolato con le realtà locali, questi elementi di buonsenso sarebbero già emersi in tutta la loro evidenza e ora non staremmo ad attendere gli esiti di ricorsi amministrativi per conoscere il destino degli ospedali tra cui il SS Gonfalone», il sindaco rileva in ogni caso che “c’è ancora tempo e modo per recuperare, come dimostra il senso d’equilibrio e di disponibilità manifestati dalla presidente Polverini nella circostanza. Presupposti che, insieme agli elementi di certezza giuridica, fanno ben sperare su una conclusione positiva della vicenda”.

 

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION