MONTEROTONDO: Primavera ’86 compie 25 anni, domenica di festa all’aria aperta

Domenica 19 giugno 2011 l’associazione di volontariato “Primavera ’86” compirà 25 anni. Per festeggiare, i volontari offriranno giochi, esposizioni, musica, video e buffet presso il Bosco del Convento dei Frati Cappuccini, in Viale Fausto Cecconi a Monterotondo. La festa si aprirà la mattina, dalle 9.00 alle 12.30, per poi proseguire dalle 16.00 fino a notte inoltrata.
Il programma comprende, tra gli altri, l’esibizione dell’Accademia di Musica “Nomos”, il
quadrangolare di calcio e giochi per bambini organizzati dagli Scout; il tutto accompagnato da spazi espositivi, stand gastronomici e musica fino a notte fonda.
Per il programma completo consultare la locandina o il sito www.volontariato.lazio.it/primavera86.
Primavera ’86 festeggia così 25 anni di attività e ripercorre le tappe della sua storia. Una storia che ha inizio il 21 marzo 1986, primo giorno di primavera e anche di un grande progetto in favore dei ragazzi disabili. Per la prima volta, abbracciando i problemi delle famiglie dei ragazzi con difficoltà cognitive o disabilità fisiche, l’organizzazione Primavera ’86 ha introdotto programmi d’integrazione scolastica, assistenza domiciliare, laboratori di ceramica e corsi di formazione professionale.
Oggi, grazie a un finanziamento regionale, Primavera ’86 gestisce la Casa famiglia per persone adulte con disabilità, una grande famiglia che vive a Monterotondo, in Via Gramsci 122. Qui otto ragazzi e ragazze sperimentano la convivenza all’interno di un percorso educativo individuale finalizzato all’individuazione, mantenimento e sviluppo delle autonomie e competenze personali, oltre che all’integrazione e all’inclusione sociale. Inoltre sono stati attivati diversi laboratori, tra cui quelli di alfabetizzazione, informatica, ginnastica dolce e arti espressive, e creati importanti
rapporti con associazioni di volontariato della stessa zona, in un continuo processo di integrazione che permette ai ragazzi della casa famiglia di interagire attivamente nel tessuto sociale.

Domenica 19 giugno 2011 l’associazione di volontariato “Primavera ’86” compirà 25 anni. Per festeggiare, i volontari offriranno giochi, esposizioni, musica, video e buffet presso il Bosco del Convento dei Frati Cappuccini, in Viale Fausto Cecconi a Monterotondo. La festa si aprirà la mattina, dalle 9.00 alle 12.30, per poi proseguire dalle 16.00 fino a notte inoltrata. Il programma comprende, tra gli altri, l’esibizione dell’Accademia di Musica “Nomos”, il quadrangolare di calcio e giochi per bambini organizzati dagli Scout; il tutto accompagnato da spazi espositivi, stand gastronomici e musica fino a notte fonda.

Per il programma completo consultare la locandina o il sito www.volontariato.lazio.it/primavera86.

Primavera ’86 festeggia così 25 anni di attività e ripercorre le tappe della sua storia. Una storia che ha inizio il 21 marzo 1986, primo giorno di primavera e anche di un grande progetto in favore dei ragazzi disabili. Per la prima volta, abbracciando i problemi delle famiglie dei ragazzi con difficoltà cognitive o disabilità fisiche, l’organizzazione Primavera ’86 ha introdotto programmi d’integrazione scolastica, assistenza domiciliare, laboratori di ceramica e corsi di formazione professionale.

Oggi, grazie a un finanziamento regionale, Primavera ’86 gestisce la Casa famiglia per persone adulte con disabilità, una grande famiglia che vive a Monterotondo, in Via Gramsci 122. Qui otto ragazzi e ragazze sperimentano la convivenza all’interno di un percorso educativo individuale finalizzato all’individuazione, mantenimento e sviluppo delle autonomie e competenze personali, oltre che all’integrazione e all’inclusione sociale. Inoltre sono stati attivati diversi laboratori, tra cui quelli di alfabetizzazione, informatica, ginnastica dolce e arti espressive, e creati importanti rapporti con associazioni di volontariato della stessa zona, in un continuo processo di integrazione che permette ai ragazzi della casa famiglia di interagire attivamente nel tessuto sociale.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION