MONTEROTONDO: Minaccia e aggredisce passeggeri del treno: arrestato

I carabinieri della stazione di Montelibretti hanno arrestato J. Z. G., un polacco incensurato di 49 anni, che viaggiava sul treno Fiumicino-Orte, in direzione Nord. All’interno del treno, il 31793, lo straniero aveva rifiutato di esibire il suo titolo di viaggio aggredendo verbalmente e spintonando il capotreno alla presenza di altri passeggeri, costringendolo addirittura a ritardare la corsa del treno. Sul mezzo si trovava un maresciallo dell’Arma, in quel momento libero dal servizio ed in abiti civili, che è subito intervenuto per bloccarlo ed identificarlo. L’uomo lo ha minacciato, insultato e cercato di allontanarlo con forza. Il maresciallo ha subito contattato la Centrale Operativa della Compagnia di Monterotondo, che ha inviato sul posto la pattuglia più vicina alla stazione ferroviaria di Monterotondo, quella dei carabinieri di Montelibretti. Il 49enne è stato arrestato e trasferito al carcere di Rebibbia a Roma dove dovrà rispondere di interruzione di pubblico servizio e minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION