MONTEROTONDO: K-CODE, emergenti dalle idee chiare

Si chiamano K-Code, sono di Monterotondo, sono al loro secondo concerto, e hanno le idee ben chiare su cosa vogliono fare e dove vogliono arrivare. Dopo aver esordito in un concerto allo Scalo, Flavio Grilli (voce), Luana Baroni (tastiera), Andrea De Santis (chiatarra), Alex (basso) ed Ivan Romeo (batteria) proseguono il loro cammino passando per Roma, dove presso il Defrag hanno tenuto il loro secondo concerto. “Il progetto è stato deciso di avviarsi circa un anno fa – spiega il gruppo – purtroppo ci sono state difficoltà nel trovare i componenti, ma da circa due mesi la Band è al completo”.
Come è andato il secondo concerto?
Bene, ma non al massimo delle possibilità, poichè la Band era fuori luogo dovuto al genere musicale suonato. Sono stati ricevuti complimenti e plausi.
A quali gruppi vi ispirate?
Semplicemente ai K-CODE! (Il gruppo sorride).
Di cosa parlano le vostre canzoni?
I nostri testi vanno dal romanticismo a critiche sociali, come l’ultimo pezzo composto “Pagine”, che vuole essere una critica alla scuola, in particolare ai libri di testo.
Prossimi progetti…
Registrazioni e composizioni di nuovi pezzi. A seguire nuovi live.
Siete su FaceBook?
Si, per diventare fan  basta digitare il nome nella ricerca e il gioco è fatto. Sono già disponibili molte foto. In tre giorni la Band ha raggiunto 56 fan e… man mano aumentano!

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION