MONTEROTONDO: Inizia bene il nuovo anno per il Monterotondo Volley

Comincia male il nuovo anno per le ragazze di Piero Rosati. Il Monterotondo Volley perde in casa con la Somea Ancona in uno scontro diretto per la salvezza molto importante. La formazione gialloblù è apparsa contratta in diverse fasi della partita, giocando meglio nel terzo set perso a causa di due indecisioni delle gialloblù proprio sul finire del parziale. La gara sembrava essersi messa su ben altri binari dato che, nel primo set, il Monterotondo Volley parte subito forte e dopo l’attacco di Fontanella le padroni di casa vanno al primo time out tecnico in vantaggio 8-3. Si torna in campo e la Floro firma con la fast il 9-3. Le ospiti non riescono a reagire e Lombardi, sull’11-3, è costretto a chiamare il suo primo time out. Il Monterotondo spinge al massimo allungando ulteriormente sul 13-4. Le ospiti piazzano un break di sei punti sfruttando un passaggio a vuoto piuttosto clamoroso delle eretine. Al ritorno in campo, Okrachkova mette a terra la palla del 14-12. Torna a fare punti il Monterotondo con Safronova permettendo così a Floro di andare in battuta per l’ace del 16-12. Sul 17-15, Tartaglione ferma il gioco per un fallo in palleggio e la Okrachkova completa la rimonta: 17-17. La russa, dopo la difesa delle compagne, porta la Somea in vantaggio 17-18. L’attacco a rete di Lorio costringe Rosati a chiamare il suo primo time out. Il Monterotondo getta definitivamente un set che sembrava già vinto perdendo 20-25. Il secondo set si apre come il primo ma a parti invertite. La Somea domina le gialloblù andando al primo time out tecnico in vantaggio 2-8. Le ospiti si confermano ciniche in attacco e trasformano in oro i regali del Monterotondo Volley, impreciso specialmente in ricezione. Le padroni di casa hanno una reazione di orgoglio a metà set grazie anche ad una Safronova particolarmente ispirata. Sul 15-21, Tribuzi gioca con le mani alte del muro per il 16-21. Il vantaggio della Somea è però troppo ampio ed il parziale si conclude 18-25 con un’invasione delle gialloblù. Nel terzo set Rosati da spazio a Di Paolo, in campo anche alla fine della seconda frazione di gioco. Il match diventa finalmente equilibrato e le due squadre giocano punto a punto. Sul 17-18, il Monterotondo sbaglia in ricezione e la Somea ne approfitta per portarsi sul 17-19. Floro e Safronova murano per due volte consecutive la Okrachkova e pareggiano 19-19. Tribuzi mette a segno un ace importantissimo nello scambio successivo: 20-19 e time out per la Somea. Sul 22-22, Filanti premia la bella difesa di Bianchi mettendo a terra il 22-23: time out chiamato da Rosati. Lorio pareggia nuovamente i conti ma Bellucci mette a terra la palla per due volte consecutive chiudendo il set 23-25.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION