MONTEROTONDO: Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli e assegno di maternità

I cittadini in possesso di determinati requisiti possono richiedere per l’anno 2010 gli assegni  rivolti ai nuclei familiari e gli assegni alla maternità disciplinati dalla legge 448/98 e dal D.Lgs n.51/2001 art. 74. I nuclei familiari, composti da cittadini italiani o comunitari residenti e in possesso di regolare permesso di soggiorno, i cittadini stranieri titolari dello status di rifugiati politici e di protezione sussidiaria, con tre o più figli con età inferiore ai 18 anni, siano essi figli del richiedente o del coniuge o di minori ricevuti in affidamento preadottivo, che a partire dalla data del 1 gennaio 2010, risultino in possesso di risorse economiche non superiori a Euro 23.362,70   per nuclei con cinque componenti (da calcolare sulla base dell’indicatore di Situazione Economica – ISE), hanno diritto di richiedere un assegno del valore di Euro 129,79 al mese (rivalutate annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT) per tredici mensilità, con effetto retroattivo. Le domande potranno essere presentate fino al 31/01/2011.

Le donne residenti, cittadine italiane, comunitarie, extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno, che hanno un figlio nato o che hanno un bambino nella famiglia anagrafica in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento, che non beneficiano del trattamento previdenziale delle indennità di maternità, se appartengono ad un nucleo familiare in possesso di risorse economiche non superiori a Euro 32.448,22 lorde annue per nuclei con tre componenti (da calcolare in base all’indicatore di Situazione Economica – ISE), hanno diritto di richiedere un assegno pari a Euro 311,27 mensili, per cinque mesi.

La domanda per  gli assegni di maternità deve essere presentata nel comune di residenza, nel termine perentorio di  sei mesi dalla data di nascita del figlio, o dalla data di ingresso del minore nella famiglia anagrafica della donna che lo riceve in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento.

I cittadini che sono interessati a questi due provvedimenti (stabiliti dalla legge n. 448 del 23.12.1998, in vigore dal 21 settembre 1999, secondo quanto disciplinato dal Decreto Ministeriale n. 306 del 15 luglio 1999 e come modificato dalla legge n.388 del 23.12.2000 Decreto Ministeriale n. 452/2000 e Decreto Ministeriale 337/2001 e successive modifiche) possono rivolgersi per la compilazione della domanda per l’assegno del nucleo familiare e di maternità presso i seguenti centri di assistenza fiscale con i quali l’Amministrazione ha stipulato una convezione e pertanto la consulenza sarà del tutto gratuita:

* CAAF CGIL  VIALE BRUNO BUOZZI, 26   tel 06 90626049
* CAAF CISL- Società di Servizi  Lazio  VIA CAVOUR, 39   tel. 06 90622790
* CAAF 50 & PIU’ – CONFCOMMERCIO VIA A. MAMELI, 20  tel. 06 9068799
* CAAF ITALIA S.R.L.  PIAZZA DELLA REPUBBLICA, 16   tel. 06 9066619  – VIA SALARIA,150  tel. 06 90085216

Al pagamento degli assegni provvederà l’INPS.

Per informazioni i cittadini possono rivolgersi presso il Servizio Politiche Sociali e l’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION