MENTANA: Addio a Gianni Musy, voce di Gandalf e Albus Silente



Si è spento a 80 anni nella sua casa di Mentana, dove sono stati fatti i fenerali, un veterano del doppiaggio italiano, Gianni Musy, che ha prestato la sua voce, profonda, ammaliante, carica di emozione, a molti attori del cinema, della televisione e a personaggi di film diventati “di culto” e ancora più celebri celebri cartoni animati fino ad essere, recentemente, il grande Puffo nel film campione d’incassi “I puffi in 3D”. E’ lunghissimo e prestigioso l’elenco dei suoi alter ego: Marlon Brando, Sean Connery, e tra i personaggi Albus Silente in “Harry Potter” e Gandalf nella trilogia de “Il Signore degli Anelli”.

Come attore viene ricordato per le sue apparizioni in originali televisivi del passato, dalla “Freccia nera” ai “Maigret”; tra i numerosi film interpretati sul grande schermo, Musy fu il pentito Tommaso Buscetta in «Giovanni Falcone» di Giuseppe Ferrara; poi in «Non ti muovere» di Sergio Castellitto; «Compagni di scuola» di Carlo Verdone e «Impiegati» di Pupi Avati.

A Mentana Musy era molto conosciuto ed amato. Sempre umile e socievole con tutti, partecipava spesso ad eventi culturali che si svolgevano nella città garibaldina.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION