FIANO ROMANO: Si spacciavano per il Comune e truffavano aziende

Si spacciavano per dipendenti comunali e truffavano aziende di articoli per ufficio e hi-tech con ordinativi effettuatati su carta contraffatta, intestata del Comune di Fiano. Nel tranello sono finite, nove societa’ con sede a Padova, Casale Monferrato, Scandicci, Bologna, Marsala, Taranto, Pordenone e due a Catania. Il bottino finale e’ di 130 mila euro.
In manette per truffa sono finite tre persone, due italiani e un romeno, arrestati dai carabinieri di Fiano Romano in collaborazione con il nucleo operativo della compagnia di Monterotondo. Si tratta di C.M. un cinquantanovenne che ricopriva il ruolo di amministratore unico di una societa’ di informatica con sede legale a Roma, ed era l’organizzatore delle truffe, di R.E. un autotrasportatore quarantasettenne e di C.I. un operaio romeno ventunenne.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION