FIANO ROMANO: Lo schermo è donna

Carolina Crescentini è l’attrice emergente 2009. E il 15 giugno a Fiano, riceverà il Premio Giuseppe De Santis. Riconoscimento dedicato al regista, fra i padri del Neorealismo e del cinema italiano, che lanciò attrici del calibro di Silvana Mangano. Da 14 anni, il Premio De Santis inaugura la rassegna cinematografica intitolata “Lo schermo è donna”. Voluta da Giuliano Ferilli, presidente dell’Associazione Città per l’Uomo, diretta nelle ultime 4 edizioni da Micaela Urbano de “Il Messaggero” e curata da Enrico Lucherini e Gianluca Pignatelli, la manifestazione si svolgerà dal 15 al 20 giugno nel Castello ducale di Fiano. L’obiettivo del festival è quello di portare il cinema e i suoi personaggi più illustri in un paese che ha dato e dà prova di amare la cultura del mondo della celluloide. E, se è vero che “Lo schermo è donna”, è altrettanto vero che non c’è femminile senza maschile. Per questo motivo, da tempo, la rassegna coinvolge attori e registi, che si raccontano e soprattutto raccontano le donne…

Questa edizione vedrà come protagonisti, Cristina Comencini, che ha scritto e portato in teatro la commedia dalla quale Enzo Monteleone ha tratto il film “Due partite” (sarà con la regista e scrittrice sul palco). E poi ci sarà Pierfrancesco Favino, il più illustre fra gli attori della sua generazione. Attore uscito dall’Accademia, bravo in teatro, in tv (è lui ad aver restituito al pubblico miti come Bartali e De Vittorio) e al cinema. All’inizio della scorsa stagione ha interpretato “L’uomo che ama”, di Maria Sole Tognazzi (film scelto per essere proiettato al festival), attualmente sta sbancando i botteghini con “Angeli e Demoni” e contemporaneamente è sul set del nuovo film di Gabriele Muccino. Anche Christian De Sica ha detto sì a Fiano. L’attore più amato dagli italiani, parteciperà alla manifestazione con Paolo Conticini, che con lui ha interpretato tanti film e commedie e fiction. De Sica parlerà di carriera, della prima esperienza come scrittore, di vita quotidiana e, ovviamente, di donne. Il film che l’eclettico attore ha scelto di far vedere al pubblico di fiano è “The Clan”, una storia che gli è particolarmente cara, un musical spettacolare,con tutte le carte in regola per “Lo schermo è donna”. Non mancherà un’attrice brillante, intensa, brava sia nel dramma sia nella commedia, come Claudia Gerini. Che sarà sul palco insieme con l’efficace Luca Argentero, il suo compagno d’avventura in “Diverso da chi?”, commedia agrodolce che verrà proposta al festival e che racconta di una donna che si innamora di un gay fidanzatissimo e lo rende padre… Infine, il Premio alla carriera andrà a una delle Attrici che hanno lasciato il segno nel cinema di ieri e di oggi, in teatro e in tv: la straordinaria Virna Lisi, che è stata diretta da autori come Germi, Comencini (sia Luigi sia Cristina), Maselli, Risi, Loy, Monicelli, Losey, Peitrangeli, Kramer, Young, Lizzani, Chereau, Samperi, Vanzina. E da Lattuada, che la volle ne “La cicala”, proiettato a Fiano.

Con questi prestigiosi personaggi, interverranno alla rassegna, che si aprirà con una serata condotta da Massimo Giletti, Nicola zingaretti, Carlo Freccero, Enrico Vanzina, Irene Ghergo, Pierluigi Diaco.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION