CASTELNUOVO DI PORTO: Nomadi a Castelnuovo: il Sindaco si dimette

Le proteste, le manifestazioni, le petizioni, non sono servite a niente: i nomadi allontanati da Roma saranno infatti trasferiti al CARA di Castelnuovo di Porto. L’idea del sindaco capitolino Gianni Alemanno non piace però al sindaco (anche lui del Pdl) di Casteluovo, che oggi deciso di dimettersi. “Dopo le manifestazioni spontanee dei cittadini di Castelnuovo di Porto dei giorni scorsi, sulla questione dei nomadi e il loro trasferimento dal territorio di Roma Capitale al centro Cara, Fabio Stefoni, sindaco di Castelnuovo di Porto e consigliere provinciale del Pdl, a seguito dell’incontro del 7 aprile u.s. con il commissario per l’emergenza nomadi, il Prefetto di Roma, ha deciso di rimettere il proprio mandato di sindaco nelle mani del Presidente del Consiglio del Comune di Castelnuovo di Porto”. Questo si legge in una nota del Pdl della Provincia di Roma.
“Sono rimaste totalmente inascoltate le istanze dei sindaci – scrive il sindaco in una nota – e considerati lesi i principi di autonomia riconosciuti dalla Costituzione agli enti locali e ai sindaci che hanno l’obbligo di tutelare il territorio, la sicurezza dei cittadini, la loro identità e la loro qualità della vita, ho deciso di rassegnare le mie dimissioni. È sicuramente una presa di posizione eclatante in attesa di un segnale di dialogo da parte del Commissario, il Prefetto di Roma”.

Le proteste, le manifestazioni, le petizioni, non sono servite a niente: i nomadi allontanati da Roma saranno infatti trasferiti al CARA di Castelnuovo di Porto. L’idea del sindaco capitolino Gianni Alemanno non piace però al sindaco (anche lui del Pdl) di Casteluovo, che oggi deciso di dimettersi. “Dopo le manifestazioni spontanee dei cittadini di Castelnuovo di Porto dei giorni scorsi, sulla questione dei nomadi e il loro trasferimento dal territorio di Roma Capitale al centro Cara, Fabio Stefoni, sindaco di Castelnuovo di Porto e consigliere provinciale del Pdl, a seguito dell’incontro del 7 aprile u.s. con il commissario per l’emergenza nomadi, il Prefetto di Roma, ha deciso di rimettere il proprio mandato di sindaco nelle mani del Presidente del Consiglio del Comune di Castelnuovo di Porto”. Questo si legge in una nota del Pdl della Provincia di Roma.

“Sono rimaste totalmente inascoltate le istanze dei sindaci – scrive il sindaco in una nota – e considerati lesi i principi di autonomia riconosciuti dalla Costituzione agli enti locali e ai sindaci che hanno l’obbligo di tutelare il territorio, la sicurezza dei cittadini, la loro identità e la loro qualità della vita, ho deciso di rassegnare le mie dimissioni. È sicuramente una presa di posizione eclatante in attesa di un segnale di dialogo da parte del Commissario, il Prefetto di Roma”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION