CASTEL MADAMA: Anche a Castel Madama arriva la fontana leggera

Acqua minerale. Con gas e senza. Costo: cinque centesimi per un litro e mezzo e la bottiglia la porti da casa. Non manca il risparmio.  In termini economici. Ma soprattutto in quantità di rifiuti. Cinquanta chili di plastica in meno all’anno per ogni famiglia. Che moltiplicato per tremilacinquantatre famiglie castellane equivale a circa 153  tonnellate di bottigliette in meno da buttate via e quindi da smaltire.
A Castel Madama si può. In via Caduti di Nassirya. Nei prossimi giorni sarà istallato l’erogatore e l’acqua si prenderà alla «fontana leggera», un distributore di minerale liscia e gasata con acqua proveniente dall’acquedotto comunale. Per i più viziati non mancheranno le bollicine: Acqua pubblica refrigerata, filtrata e addizionata con anidride carbonica.  «L’iniziativa ha molteplici effetti: il risparmio del consumatore che vede ridotta fortemente la spesa sostenuta per l’acquisto di acqua minerale e l’educazione dei cittadini ” spiega l’assessore all’Ambiente Vincenzo Ascani, promotore dell’iniziativa –  al riutilizzo di bottiglie di plastica di cui siamo sommersi». L’obiettivo è «cercare tutti insieme di produrre meno plastica e quindi rifiuti da smaltire ogni anno, preservando l’ambiente e cercando di impiantare una cultura ecologica che poi va a vantaggio di tutti noi».
L’iniziativa «Fontana leggera» rientra nel progetto RIDUCIMBALLI della Regione Lazio sviluppato dall’ente di ricerca ECOLOGOS, promosso per limitare lo spreco di risorse, energia e materie prime. «Questa iniziativa si inserisce nell’attività amministrativa rivolta al risparmio energetico e al rispetto dell’ambiente che è stata portata avanti in questi anni, con l’istallazione di caldaie a condensazione, di pannelli solari fotovoltaici e termici nelle scuole». Il progetto prevede anche l’attivazione di un eco-sportello al servizio del cittadino.

Acqua minerale. Con gas e senza. Costo: cinque centesimi per un litro e mezzo e la bottiglia la porti da casa. Non manca il risparmio.  In termini economici. Ma soprattutto in quantità di rifiuti. Cinquanta chili di plastica in meno all’anno per ogni famiglia. Che moltiplicato per tremilacinquantatre famiglie castellane equivale a circa 153  tonnellate di bottigliette in meno da buttate via e quindi da smaltire.

A Castel Madama si può. In via Caduti di Nassirya. Nei prossimi giorni sarà istallato l’erogatore e l’acqua si prenderà alla «fontana leggera», un distributore di minerale liscia e gasata con acqua proveniente dall’acquedotto comunale. Per i più viziati non mancheranno le bollicine: Acqua pubblica refrigerata, filtrata e addizionata con anidride carbonica.  «L’iniziativa ha molteplici effetti: il risparmio del consumatore che vede ridotta fortemente la spesa sostenuta per l’acquisto di acqua minerale e l’educazione dei cittadini ” spiega l’assessore all’Ambiente Vincenzo Ascani, promotore dell’iniziativa –  al riutilizzo di bottiglie di plastica di cui siamo sommersi». L’obiettivo è «cercare tutti insieme di produrre meno plastica e quindi rifiuti da smaltire ogni anno, preservando l’ambiente e cercando di impiantare una cultura ecologica che poi va a vantaggio di tutti noi».

L’iniziativa «Fontana leggera» rientra nel progetto RIDUCIMBALLI della Regione Lazio sviluppato dall’ente di ricerca ECOLOGOS, promosso per limitare lo spreco di risorse, energia e materie prime. «Questa iniziativa si inserisce nell’attività amministrativa rivolta al risparmio energetico e al rispetto dell’ambiente che è stata portata avanti in questi anni, con l’istallazione di caldaie a condensazione, di pannelli solari fotovoltaici e termici nelle scuole». Il progetto prevede anche l’attivazione di un eco-sportello al servizio del cittadino.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION