La mia vita e Mr. Park: l’inedito racconto del Morbo di Parkinson giovanile

La mia vita e Mr. Park: l’inedito racconto del Morbo di Parkinson giovanile

Una patologia infida e di cui si sa poco, una malattia che colpisce anche i giovani, un morbo che porta con sé inaspettate conseguenze, note e meno note, stravolgendo la vita di chi ne è affetto e al tempo stesso compromettendone la vita sociale. Nella maggior parte dei casi.

C’è però chi, scoperto il Parkinson all’età di 39 anni, ha deciso di parlarne, affrontare il problema, comunicare al mondo la situazione: è Mario Vegliante, un tempo manager e imprenditore con carriera avviata e oggi scrittore e poeta che, dopo 9 anni di malattia ha deciso di raccontarsi e raccontare il morbo e la lotta in un libro, La mia vita e Mr. Park che verrà presentato il 22 marzo allo Spazio Veneziano di Roma, nel quartiere Coppedè.

Un evento per conoscere da vicino una storia e una malattia, per parlare del Parkinson attraverso le parole coraggiose di un malato dalle grandi capacità creative, scoprire come affrontare e parlare di questo male con interventi dell’autore, di Maria Giovanna Faiella giornalista e redattrice per Corriere Salute, Nicola Modugno Neurologo e Direttore del centro Parkinson e Disturbi del Movimento I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS), Filippina Santoro Consigliere Comitato Italiano Associazioni Parkinson Presidente Associazione Parkinson Parthenope, Francesco Florenzano Presidente UPTER.

Attraverso il racconto autobiografico, poesie, rime ed immagini La mia vita e Mr. Park rappresenta infatti un viaggio nel mondo di un giovane parkinsoniano che a soli 47 anni convive da 8 con questa patologia.

Un viaggio ironico e profondo tra i grandi cambiamenti riguardanti la sfera affettiva, professionale, ma soprattutto personale dell’autore che perde prima la salute, poi la famiglia e infine il lavoro, sviluppando contemporaneamente la dipendenza dal gioco d’azzardo.

Un viaggio pervaso dal desiderio di rivalsa e dalla speranza di ricostruirsi una vita malgrado le limitazioni imposte da Mr Park; ma ancor di più dalla voglia di informare il lettore su una malattia di cui sono affette più di 12 milioni di persone al mondo e di cui, purtroppo, si sa ancora troppo poco.

“Sono parkinsoniano da quasi nove anni e, dopo aver girato l’Italia in lungo e in largo, ho deciso di scrivere un libro che parli di me. Oggi mi metto completamente a nudo animato dal desiderio di rivalsa e dalla voglia di informare su una patologia di cui si sa ancora troppo poco. Ho un tatuaggio sotto al collo al quale sono legatissimo, è una scritta: Highlander”. Nella sua reazione, Mario Vegliante diventa un esempio positivo, un punto di partenza per sensibilizzare sul Parkinson giovanile e, al tempo stesso, accendere un cono di luce sulla malattia, parlandone senza nascondersi, dichiarandosi e raccontandosi senza paure né veli, nel bene e nel male.

Classe 1970, Mario Vegliante è stato Allievo Ufficiale di Complemento (AUC) e poi Sottotenente di prima nomina di stanza a Ferrara. Ha lavorato come Promotore di servizi finanziari e ha poi girato l’Italia e l’Europa in qualità di manager vivendo tra Veneto, Lazio, Germania, dove ha diretto la filiale italiana di una multinazionale tedesca. È stato direttore commerciale nel settore horeca, direttore di clinica odontoiatrica Vitaldent e responsabile Marketing per uno storico ristorante veneziano. Una carriera avviata e di successo, fino alla malattia. Poi la reazione, oggi un libro, in cui immergersi e perdersi, a prescindere dalla conoscenza diretta del morbo di Parkinson.

Con “La mia vita e Mr. Park”, appuntamento il 22 marzo 2018 a Spazio Veneziano di Roma, nel quartiere Coppedè, Via Reno 18/A, ore 18.30. La serata finirà a tarallucci e vino.

Loading...

Potrebbe interessarti anche...

  • La "banda" della Orange Records Rome presenta "Effetti collaterali". L'intervista
  • Eva Grimaldi e Imma Battaglia presto spose. Alla guida c'è Enzo Miccio
  • Mariella Nava: una riflessione sull'ultimo Sanremo. "Imparate ragazzi, imparate!"
  • Presentazione di "Ali spezzate" antologia nata per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne
  • Il mito della Banshee: dai racconti dei Druidi ai manga scopriamo le caratteristiche di questo spirito ancestrale femminile
  • Canapa Mundi 2019: grande chiusura per la prima fiera d’Italia del settore. Un business in crescita
  • Roma Whisky Festival: ottava edizione con masterclass, degustazioni e seminari. Intervista al "whisky consultant" Pino Perrone
  • Palazzo Farnese di Caprarola: il mistero degli affreschi dell’Anticamera degli angeli
  • Perrotta, Tonetto, Cassetti: compleanno nel pallone al Room26 per Gianluca Caruso
  • Le attrici Miriam Galanti e Katia Greco al Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche di Nino Graziano Luca
  • Scoop intervista Cupido!
  • Gli Elfi tra di noi: nascita, usi e costumi del popolo "luminoso"
  • Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella magica cornice della Pinacoteca del Tesoriere
  • Canapa Mundi, Fiera Internazionale della Canapa. A Roma 10.000 mq di sostenibilità, benessere e nuove frontiere
  • Matteo Cappella presenta "Metropolia", suo primo disco ufficiale. L'intervista
  • Un “Tè Danzante" con Jane Austen: un'esperienza "fuori dal tempo"
  • "Senza Rossetto": all'AAMOD il film di ricerca sull'immaginario femminile alla vigilia del voto del '46
  • Omaggio a Giorgio Gaber: una targa verrà affissa sul condominio di via Londonio, dove il cantautore nacque
  • In onda in prima serata su RAI1 la docufiction “Figli del destino”
  • Masterclass per attori con June Jasmine Davis. Formazione gratuita con Artisti 7607

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION