La S.S. Lazio in bici ad Auronzo verso il Mondiale di MTB 2018

La S.S. Lazio in bici ad Auronzo verso il Mondiale di MTB 2018

La S.S Lazio in bici tra le meraviglie del Cadore dove è in ritiro ad Auronzo fino al 22 luglio per prepararsi alla nuova stagione calcistica. Questa mattina i calciatori biancocelesti Marco Parolo, Adam Marusic e Alessandro Murgia hanno fatto una sgambata insolita sulle due ruote immersi tra i paesaggi più suggestivi delle Dolomiti che faranno da sfondo anche all’UCI 2018 MTB Marathon World Championship, assegnata alla 3Epic del Team Pedali di Marca, già organizzatore del Mondiale 2011.

“Una pedalata in bicicletta immersi tra le meraviglie delle Dolomiti è un bel modo di rilassarsi e tenersi in forma. Siamo abituati a pedalare in palestra durante la stagione agonistica, qui è tutta un’altra atmosfera – ha detto Marco Paolo -. La nuova pista ciclabile Auronzo–Misurina, che costituisce parte dell’itinerario del Mondiale di MTB del 2018, è stupenda, percorrerla è un’esperienza meravigliosa”.

Loading...

Potrebbe interessarti anche...

  • “Uno Chef in fattoria”, dal 18 novembre su Food Network
  • Il regista Eitan Pitigliani presenta "Insane love" a Napoli, tra i 7 finalisti di CortiSonanti
  • Intervista (con sfida al lettore) a Laura Costantini, autrice della collana "Diario Vittoriano"
  • Halloween da brivido su Italia 1 con "IT- Capitolo uno" e “Shining – Extended edition”
  • Pietro Coccia, il fotografo del cinema italiano, ricordato alla Festa del Cinema di Roma dalla Street Artist Laika
  • "Matrimonio a prima vista Italia - 6 mesi dopo": da domani in anteprima su DPLAY PLUS
  • Festival Box, primo Festival Musicale Nazionale dedicato all'underground
  • Ricetta al barbecue: spiedini di manzo Teriyaki
  • I nani: storia e leggenda di una creatura leggendaria e... reale!
  • Muore la ballerina cubana Alicia Alonso, EXIT media le dedica l’uscita del film “Yuli – Danza e libertà”
  • Cena a Roma in onore di John Turturro
  • Il Terni Pop Film Fest chiude con la proiezione in anteprima del film "Yuli – Danza e libertà" di Icíar Bollaín
  • Enrico Vanzina al Terni Pop Film Fest, "Ormai i produttori sono dei poveracci che fanno i film con i soldi degli altri"

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION