Venezia 74. Consegnato a Michael Caine il Premio Fondazione Mimmo Rotell

Venezia 74. Consegnato a Michael Caine il Premio Fondazione Mimmo Rotell

Dopo l’artista cinese Ai Weiwei e il divo George Clooney, è stato consegnato a Michael Caine il Premio Fondazione Mimmo Rotella, del prestigioso premio, che rientra tra gli eventi collaterali della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia. L’attore inglese , in laguna con il documentario “My Generation” di David Batty (opera fuori concorso), haa ricevuto un’opera esclusiva del Maestro del décollage dalle mani di Gianvito Casadonte, direttore artistico del Premio, Inna Rotella, moglie del Maestro e da Mario Nuciforo, vice presidente della Fondazione. Componenti della giuria della XVII edizione del Premio Rotella sono stati: il direttore artistico e il produttore del Premio, Gianvito e Alessandro Casadonte, la presidente della Fondazione, nonché figlia del Maestro, Aghnessa Rotella e la giornalista Silvia Bizio.

“Un’altra grande stella del cinema – ha affermato Casadonte – è stata avvicinata al nome del Maestro Rotella. Michael Caine è un artista eccezionale che durante la sua mirabile carriera ha dato corpo a personaggi memorabili, con interpretazioni che gli hanno permesso di ottenere ben due Premi Oscar. Il Premio Rotella ha raggiunto vette importanti in questi anni ed io, da calabrese, sono fiero di portare in giro per il mondo uno dei più grandi calabresi che la nostra terra abbia potuto mai avere: Mimmo Rotella”.

“Per la sua raffinatezza e intensità, Caine – ha dichiarato la signora Rotella – è stato particolarmente amato da mio marito. Come dimenticare il rubacuori “Alfie” nell’omonimo film del 1966, o il compositore Freud Ballinger nel più recente “Youth”, di Paolo Sorrentino. La sua incredibile varietà di linguaggio ed espressività gli permette di interpretare personaggi che appartengono a mondi diversi e di ricoprire ruoli drammatici, ma anche ironici e colmi di humour sottile”.

“Caine – ha aggiunto Nuciforo – ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo della recitazione, così come Mimmo Rotella nell’arte. Il Premio della nostra Fondazione, il cui fine è di portare l’attenzione sui personaggi e sulle riflessioni cinematografiche più penetranti e stimolanti di questi tempi, ha visto un’impennata di popolarità nell’ultimo periodo e dobbiamo ringraziare Gianvito Casadonte per il lavoro che svolge con grandissima passione”.

L’attore ha anche ricevuto il Premio Fragiacomo della storica maison italiana, importante partner del Premio Fondazione Rotella, che da poco ha celebrato i suoi primi 60 anni di attività. Alla cerimonia di consegna del Premio erano presenti anche il consigliere della Regione Calabria, Baldo Esposito, e il presidente del Consiglio comunale di Catanzaro, Marco Polimeni.

Per Caine, location speciale della premiazione è stato il Sina Centurion Palace, con la cena di gala preparata dallo chef Livan, artista del gusto amato da molte star internazionali, accompagnata dalla degustazione dei vini della cantina marchigiana Castellani. La serata di gala è stata realizzata grazie alla collaborazione con Med Store e Marco Rapanelli Consulting che, da sempre, hanno scelto il valore culturale e artistico per promuovere lo sviluppo e l’informazione per le nuove generazioni. Il Premio Fondazione Mimmo Rotella è realizzato con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività e del Turismo e della Presidenza del Consiglio Regionale della Calabria.Tra i partner anche Webgenesys, azienda calabrese che opera nel settore dell’innovazione tecnologica.

Loading...

Potrebbe interessarti anche...

  • Biografilm Italia 2019: “Noci Sonanti” vince il Premio Hera “Nuovi Talenti”
  • AAA Queen's Drag Queen: bando di audizione per la produzione 2019/2020
  • Anteprima del documentario "Generazione Diabolika", la storia di un locale diventato un fenomeno di costume
  • Informiamici: i progetti vincitori dei liceali si concentrano su pillola del giorno dopo e preservativo
  • "GLITCH, Figli di un Dio confuso": Giulia Soi presenta il secondo romanzo
  • In onda “Io sono Sofia”, film di Silvia Luzi: la storia vera di Sofia, una donna di 28 anni nata maschio e del suo percorso personale
  • Alla scoperta del Labirinto: da Cnosso ai Celti, da Pac-Man fino ad Alice, storia, etimologia, mitologia, di un luogo spesso rappresentato come un dedalo in cui perdersi per ritrovare sé stessi
  • "La Muestra de Cine Mexicano" a Roma dal 17 al 19 maggio. Prima edizione alla Casa del Cinema
  • La Kitsune: dal folclore giapponese storia e leggenda dello "spirito della volpe"
  • Per la prima volta in Italia rimborso agli attori per i provini di Cinema e TV
  • Asylum Fantastic Fest: presentata la prima edizione, a Valmontone dal 9 al 12 maggio 2019
'; var riint = setInterval(function() {jQuery(window).trigger("resize");},100); setTimeout(function() {clearInterval(riint);},2500); }; }, beforeShow : function () { this.title = jQuery(this.element).attr('lgtitle'); if (this.title) { this.title=""; this.title = '
'+this.title+'
'; } }, afterShow : function() { }, openEffect : 'fade', closeEffect : 'fade', nextEffect : 'fade', prevEffect : 'fade', openSpeed : 'normal', closeSpeed : 'normal', nextSpeed : 'normal', prevSpeed : 'normal', helpers : { media : {}, title : { type:"" } } }); } catch (e) {} });

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION