L’olio d’oliva in Puglia tra economia e tradizione radicata

L’olio d’oliva in Puglia tra economia e tradizione radicata

La Puglia è la prima regione in Italia per produzione di olio d’oliva e di olio extravergine d’oliva; il Belpaese, a sua volta, è seconda potenza al mondo sia nelle esportazioni e sia nelle produzioni, preceduta solo dalla inarrivabile Spagna. La produzione olivicola in Puglia rappresenta uno dei fulcri dell’economia locale e anche un elemento di identificazione territoriale. Intorno agli ulivi orbita una consistente fetta di identità regionale.

La tradizione contadina

Il Mezzogiorno d’Italia, insieme alla Grecia, è il cuore pulsante che ha permesso la nascita e ha consolidato il successo della dieta mediterranea. Il sistema nutrizionale di quelle zone è stato retto per secoli dalle produzioni della campagna e in Puglia si è configurato come parte integrante del sistema sociale. Nel Salento in particolare, l’utilizzo di carni e di altri prodotti animali era molto raro se non del tutto assente; nel corso della Seconda Guerra Mondiale, la crisi alimentare interessò gran parte del Sud Italia e della Grecia, spingendo le popolazioni della zona a un recupero delle tradizioni contadine più radicate e che in Puglia non erano mai state abbandonate. Il modello nutrizionale varato in quel periodo si rivelò benefico sotto molti punti di vista e, in generale, ideale a favorire una più ampia aspettativa di vita.

La vita contadina tornò a occupare – lì dove aveva perso terreno – il cuore dell’attività produttiva, orientandosi verso i prodotti della terra, le verdure, la frutta i legumi e i cereali. L’olio extra vergine d’oliva occupava allora e occupa tutt’oggi un ruolo di primo piano nelle abitudini culinarie del posto.

L’olio in Puglia

In Puglia l’olio d’oliva è una risorsa economica, un volano che sospinge le piccole produzioni private, le cooperative e i consorzi, creando posti di lavoro e generando un indotto consistente anche grazie a una mole imponente di esportazioni. L’olio extravergine di oliva pugliese è tra i più affermati e pregiati al mondo e viene esportato con successo soprattutto negli Stati Uniti, in Australia, in Giappone e in Cina.

L’olio d’oliva, in Puglia, non è solo una molla economica ma parte integrante dell’identità locale. Intorno agli ulivi si disegna il profilo naturale più tipico, una traccia iconica dello spirito del luogo. L’olio d’oliva ha alimentato per generazioni i lavori nei campi, spesso elemento unico di sostentamento, e scolpito nei ricordi della memoria collettiva un bacino di significati e di narrazioni che si alimentano intorno alle campagne, all’ulivo e alla tradizione culinaria del posto che si fa manifesto di autenticità e di tipicità.

Inserito da: WalterW
Sito Web: http://www.pianadellentisco.it/

Potrebbe interessarti anche...

  • Apre in Italia il primo Museo del Saxofono; inaugurazione sabato 7 settembre 2019
  • Genazzano, un luogo dal fascino senza tempo... nel Guinness dei primati!
  • I Festival d’Arte di Strada invadono l’estate italiana 2019: da TolfArte a Carpineto, oltre 300 busker italiani e internazionali
  • Max Nardari tra cinema e Festival: in uscita il nuovo film "Di tutti i colori" e al timone del Film Festival Sabaudia Studios 2019
  • Grazia Di Michele presenta il suo nuovo libro "Apollonia" e l'album "Sante Bambole Puttane"
  • Biografilm Italia 2019: “Noci Sonanti” vince il Premio Hera “Nuovi Talenti”
  • AAA Queen's Drag Queen: bando di audizione per la produzione 2019/2020
  • Anteprima del documentario "Generazione Diabolika", la storia di un locale diventato un fenomeno di costume
  • Informiamici: i progetti vincitori dei liceali si concentrano su pillola del giorno dopo e preservativo
  • "GLITCH, Figli di un Dio confuso": Giulia Soi presenta il secondo romanzo
  • In onda “Io sono Sofia”, film di Silvia Luzi: la storia vera di Sofia, una donna di 28 anni nata maschio e del suo percorso personale
  • Alla scoperta del Labirinto: da Cnosso ai Celti, da Pac-Man fino ad Alice, storia, etimologia, mitologia, di un luogo spesso rappresentato come un dedalo in cui perdersi per ritrovare sé stessi
'; var riint = setInterval(function() {jQuery(window).trigger("resize");},100); setTimeout(function() {clearInterval(riint);},2500); }; }, beforeShow : function () { this.title = jQuery(this.element).attr('lgtitle'); if (this.title) { this.title=""; this.title = '
'+this.title+'
'; } }, afterShow : function() { }, openEffect : 'fade', closeEffect : 'fade', nextEffect : 'fade', prevEffect : 'fade', openSpeed : 'normal', closeSpeed : 'normal', nextSpeed : 'normal', prevSpeed : 'normal', helpers : { media : {}, title : { type:"" } } }); } catch (e) {} });

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION