Un ragazzo della Generazione Z, Matteo, racconta la storia che portò Michael Jordan a mettere la firma sulle ormai mitiche scarpe Air Jordan 1

Le Jordan 1, chi non le conosce oggi, chi non desidera averne un paio ai piedi? Non è stato sempre così.

Partiamo con ordine: nel lontano 1984 Michael Jordan, star dell’NBA voleva firmare il suo primo contratto per la creazione di una sua linea di scarpe. Inizialmente sembra scegliere l’Adidas, ma alla fine sceglie di firmare con la Nike dopo un’offerta molto cospicua da parte di quest’ultima. Nasce la famosissima linea Air Jordan.

Il primo modello fu la Air Jordan 1 disegnata da Peter Moore; Michael Jordan inizialmente la definì come una scarpa da clown ma i fan dell’NBA non la pensavano come lui. La Jordan 1 fu la prima scarpa ad essere venduta nel mercato secondario ad un prezzo superiore del suo listino di circa 65 dollari.

Apro parentesi: per mercato secondario si intende il mercato tra privati. Quando la domanda supera l’offerta per una sneaker o un semplice pezzo di abbigliamento, quindi in poche parole va sold out sul sito ufficiale del brand l’unico modo per assicurarsene un modello è comprarlo tra privati, che naturalmente alzeranno il prezzo di listino originale data la domanda così elevata. Chiusa parentesi.

Torniamo agli anni 2000, dopo il ritiro di Michael Jordan dall’NBA tutta la linea Air Jordan perse il suo fascino e tutti i suoi modelli iniziarono ad essere indossati solo dai veri appassionati. Le Jordan iniziarono ad essere considerate sempre più come scarpe di nicchia tanto da essere denigrate perché viste come delle semplici scarpe da basket e non adatte al lifestyle.

Nike negli ultimi anni ha deciso di rilanciare la silhouette grazie a delle manovre di marketing quali le numerose collaborazioni con personaggi della moda e dello spettacolo. Tra le più importanti troviamo la collaborazione con Virgil Abloh (direttore creativo del brand di alta moda Louis Vuitton e fondatore del brand Off-White) andando a creare l’iconica linea Nike x Off-White The Ten.

Nella The Ten troviamo 10 modelli iconici di Nike rivisitati da Virgil tra cui la famosissima Air Jordan 1 High Chicago; questa scarpa, rilasciata nel lontano 2017 insieme alle altre The Ten, attualmente nel mercato secondario arriva a toccare cifre come 5000 euro.

Tra le altre importanti mosse attuate da Nike per rilanciare la Jordan 1 troviamo la collaborazione con il rapper americano Travis Scott diventato un vero e proprio ambasciatore della cultura street a livello mondiale. Nike insieme all’artista ha creato la celebre Air Jordan 1 x Travis Scott che nel mercato secondario si aggira tra i 1500/2000 euro.

Arriviamo così ad oggi, la Jordan 1 in tutte le sue varianti è diventata un’icona di stile più che una scarpa desiderata da noi giovani e non, tanto che ogni modello rilasciato da Nike va sold out in pochi secondi e in poco tempo raddoppia se non triplica il suo prezzo di listino di 160 euro nel mercato secondario.

About the author

Ho 16 anni, sono nato a Battipaglia e frequento il Liceo Scientifico. Ho la passione per lo sport e lo streetwear.

Related

JOIN THE DISCUSSION