Le recensioni della Generazione Z: The Last Dance

Un ragazzo della Generazione Z recensisce “The last dance” docufilm presente su Netflix che racconta in maniera entusiasmante la carriera di Michael Jordan.

La serie che mi è più piaciuta tra quelle che ho visto ultimamente? Senza dubbio “The Last Dance”.

The last dance” è una docuserie presente su Netflix che racconta tramite video, immagini e interviste la carriera di Michael Jordan, dei suoi compagni Scottie Pippen, Dennis Rodman e del loro allenatore Phil Jackson dal 1985 fino al 1998 (ultimo anno di militanza di Jordan nella sua storica squadra: i Chicago Bulls).

Ho scelto di parlare di questa serie dato che Jordan è l’atleta che più ammiro, anche se non gioco a basket, e perché posseggo numerosi modelli di scarpe disegnate dalla Nike con le quali lui giocava. La serie a mio parere è strutturata egregiamente grazie ad una linea del tempo che mostra nello specifico ogni anno, il tutto è arricchito con video e foto dell’epoca e dalle interviste dei diretti interessati i quali a volte venivano fatti interagire tra di loro tramite dei video messaggi, oppure gli venivano mostrate le stesse immagini che stava vedendo lo spettatore.

Il titolo “The Last Dance” deriva da una frase detta ai giocatori dall’allenatore Phil Jackson nel 1998 dove afferma: ”This is the last dance” (questo è l’ultimo ballo) dato in quell’anno la dirigenza del club aveva deciso di esonerarlo per la stagione successiva e i giocatori più legati a lui come Jordan decisero di non rinnovare più il contratto se non ci fosse stato Jackson ad allenarli.

Ottima dal mio punto di vista la scelta da parte degli autori di far uscire un episodio a settimana in modo da far crescere nello spettatore la voglia di vedere un nuovo episodio ogni volta di più. Unica pecca: la serie è del tutto in inglese con l’audio originale, ci si deve accontentare dei sottotitoli.

About the author

Ho 16 anni, sono nato a Battipaglia e frequento il Liceo Scientifico. Ho la passione per lo sport e lo streetwear.

Related

JOIN THE DISCUSSION