TIVOLI: Maxi controllo negli insediamenti abusivi

Si sono svolti alle prime luci dell’alba i controlli a tappeto da parte dei militari della Compagnia di Tivoli, con l’ausilio dei Carabinieri dell’8° Battaglione “Lazio”, all’interno dell’ex polverificio denominato “Stacchini” a Tivoli Terme, di proprietà di una società in liquidazione. L’intera zona, di circa 60 ettari, è stata circondata da oltre 30 militari, che hanno effettuato un capillare rastrellamento di tutte le baracche ed i casolari abbandonati presenti all’interno, procedendo al controllo ed all’identificazione di oltre 40 cittadini romeni, tra cui anche alcune donne e bambini.

Nel corso dell’operazione è stato rintracciato ed arrestato un cittadino romeno nei cui confronti pendeva un provvedimento di cattura internazionale emesso dall’Autorità Giudiziaria Romena per il reato di furto aggravato. A tale attività hanno partecipato anche gli assistenti sociali e la Polizia Municipale del Comune di Tivoli che hanno preso atto delle condizioni di estremo degrado in cui vivono soprattutto i bambini. Inoltre sul posto sono intervenuti gli ispettori dell’ASL RM-G i quali hanno accertato lo stato dei luoghi dal punto di vista ambientale, con la presenza di rifiuti urbani e speciali.
Per i militari si è prospettato dunque uno scenario già riscontrato in passato durante la quotidiana attività di controllo del territorio, ossia la vicinanza tra gli accampamenti e le baracche di fortuna, ove dimorano decine di cittadini romeni, spesso dediti alla commissione di reati di carattere predatorio, ed aree rurali contraddistinte da folta vegetazione. Inoltre la task force ha constatato, nell’area in esame, una situazione di estrema indigenza sotto il profilo igienico sanitario, in considerazione del fatto che alcuni tra gli stranieri fermati dimoravano all’interno di grotte ricavate nel terreno o baracche di fortuna, in condizioni ai limiti della vivibilità ed in assenza di qualsivoglia servizio igienico, spesso in presenza di donne e bambini. Il controllo a tappeto svolto dai Carabinieri di Tivoli dimostra come l’Arma mantenga costantemente elevato il livello di attenzione nei confronti degli insediamenti abusivi di cittadini romeni o di etnia rom, che sempre più spesso si rivelano aree estremamente sensibili sotto il profilo della microcriminalità.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION